Presenze Aliene

martedì 22 febbraio 2011

Entità: BETA


Entità: BETA
Una delle tipologie di entità, o meglio organismi eterici alieni al genere umano presenti sulla Terra, è quella che ora presenterò come entità “BETA”. Chiunque di noi, se dotato di mezzo tecnologico, di volontà, di un briciolo di costanza e un minimo di informazione; la può riprendere come faccio io e anche meglio. La scienza che sa e tace, non è scienza; è semplicemente, blasonato mercato di “escort”.

1

Una caratteristica che distingue questa tipologia, rispetto ai comuni volatili, è il fatto che nel corso del loro battito d’ali, quando vogliono andare via di scatto e in velocità, mettono le ali davanti per poi effettuare una escursione alare di spinta maggiore. Un po’ come i nuotatori in stile rana, mettono le braccia protese in avanti per poi effettuare il massimo della spinta. Nell’immagine 2, il senso di marcia è da sinistra a destra, quindi si vede che le ali vanno oltre la testa.
2

Queste presenze non sono facili da riprendere, in quanto molto veloci, imprevedibili, variabili nei movimenti e comportamenti. Non sono visibili a occhio nudo, ma sono fotografabili. Probabilmente dispongono anche di notevoli possibilità in fatto di padronanza estetica del loro corpo. Presenterò ora, tratti da un video, tre fotogrammi che ne evidenziano meglio l’aspetto.

Da notare, come questa entità, si presenta completamente nera, quando vola a velocità moderata, mentre le ali diventano prima chiare e poi trasparenti quando la velocità è alta.  In altri casi sono state riscontrate tipologie con altre colorazioni. Gioca un fattore importante l’angolazione della luce. Nel terzo fotogramma, è evidente come all’atto di effettuare la spinta con le ali, il suo corpo tende a raccogliersi e quindi diventa più corto e tozzo. In base alla fase di volo, in base alle condizioni ambientali, alla tipologia del mezzo tecnologico utilizzato, in base alla abilità del riprenderli, si possono realizzare immagini che presentano aspetti interessanti e, altri problematici da spiegare. 
4

Occorre tempo, esperienza e pazienza. Soprattutto, non ci si deve mai scordare che, queste entità sanno di essere riprese e quindi, loro interagiscono con noi in modo intelligente. Mentre l’entità “Delta” (vedere articolo nel presente blog) manifesta un atteggiamento lineare e corretto; l’entità “Beta”, pur non avendo io mai notato nulla di negativo, manifesta un atteggiamento burlone. La prova di questo, la evidenzierò in seguito. Ancora alcune immagini:

Le entità Beta, sono presenti costantemente qui in Piemonte, nei mesi da Marzo a Novembre (a differenza dell’entità Delta che è presente tutto l’anno); ciò farebbe pensare che prediligono il caldo, o quanto meno non gradiscono il freddo. Sono presenti sia di giorno che di notte, ovviamente di notte è necessario che si trovino nella distanza raggiungibile dal flash oppure, che si trovino davanti ad una fonte luminosa che, in questo caso, può essere anche la Luna. Nella immagine n.6 ripresa col flash che, riflettendo la luminosità sul corpo, lo fa apparire luminoso. L’immagine n.7 non è facile da ripetersi. Fotografare la Luna mentre una di queste presenze passa davanti, è pura fortuna. Vi è da considerare comunque, che queste entità potrebbero scegliere di frapporsi alla Luna proprio mentre si sta fotografando. Teniamo presente che dimostrano di essere telepatiche e burlone.
6
7

Uno degli aspetti che maggiormente emergono dalle analisi dei filmati, è la manifesta gioiosità e voglia di giocare tra di loro, stando in gruppi in numero variabile. Nella prima immagine sottostante, si evidenzia come in talune situazioni, assomigliano a mosconi o calabroni. Nella seconda, come si compatta il corpo al momento di iniziare la spinta alare, nella terza mentre stanno giocando allegramente.

Quando giocano, non so se per questioni loro o per volontà di burlare chi li sta riprendendo; fanno alcune cose che sconcertano. Queste presenze si assemblano assieme in forme che mandano fuori di testa gli ufologi (che non conoscono questa realtà), per poi dividersi e continuare a giocare allegramente (forse ridendo della stupidità umana). Nel terzo frame sopra, sono presenti sei entità Beta. Nel filmato originale è evidente che stanno giocando quando ad un certo punto si assemblano affiancandosi uno all’altro, nella forma di un sigaro; immagine nove. In questo caso, il sigaro che formano, lo si vede cadere a foglia morta da una certa altezza sino ad una ventina di metri dal suolo per poi, prendere una certa direzione. Se a distanza si può ipotizzare che trattasi di ufo sigaro, ingrandendo i dubbi scompaiono. Ci sono sei corpi affiancati e in fila, a creare il sigaro. In questo caso, sono praticamente fermi, per questo motivo   si può scoprire l'arcano. Ricordo ancora che a occhio nudo non sono visibili; chi dispone però di un mezzo tecnologico con mirino di una certa qualità, li vede sfrecciare senza riprenderli. Quando li vede, sa che è il momento di fotografare o filmare. Sono esclusi da questa possibilità, tutti coloro che usano mezzi senza mirino e quelli che hanno mirini scadenti. Io, per vederli direttamente, utilizzo una fotocamera digitale “Fujifilm FinePix-9500”. Fotocamere di qualità superiore possono avere mirini di qualità inferiore. Cosa è possibile vedere con fotocamere professionali e mirini superiori?
9

Queste entità, sono in grado di sfrecciare ad altissima velocità. Quando creano un sigaro e questo sfreccia velocissimo, nel caso che venga ripreso, fa gridare agli ufologi di aver ripreso una astronave aliena o quantomeno un ufo. Intanto i saccenti e quelli che dispongono di accertamenti con mezzi professionali tacciono! Quelli che hanno interesse a creare caos, ridono!  Altri dibattono il vano! I più ignorano del tutto questa realtà. Cari ufologi, meditate! Quanto esposto, non spiega tutta l’ufologia né, esclude altri aspetti; semplicemente ne chiarisce un aspetto importante e, la sua importanza è deducibile da una semplice domanda: “Perché questa realtà viene ostinatamente taciuta?”
Con l’immagine dieci, presento quella che io ritengo una interessantissima fotografia circolante in Internet che, ha generato notevoli discussioni di carattere ufologico.
10

Nel riquadro 1, evidenzio una comune scia aerea di condensa. Da distinguersi rispetto alle oggigiorno prevalenti scie persistenti. Vedere articolo “Scie chimiche”.  Sotto, la parata della formazione acrobatica che genera scie a carattere estetico. Nel riquadro 2, quello che viene indicato come un ufo. Certamente lo è, in quanto è un oggetto volante non identificato. Ingrandendolo come nel riquadro 3, si evidenzia cosa è. E’ esattamente come quello dell’immagine n.2 ovvero, un’entità “Beta”.
Un interessante video
11
Stefano Cicconi, ricercatore nell’ambito dell’insolito, è l’autore del video sopra indicato, del quale l’immagine esposta è un frame. A parere mio si tratta di immagine eccezionale, così come la foto uno dello stesso autore. Ricordo a tutti coloro che hanno dubbi circa quanto esposto, che il miglior modo per risolvere il dubbio, è accertarsi direttamente. Basta una comune videocamera, oppure con molta fortuna una fotocamera. Aumentano le possibilità, se si fanno foto in sequenza continua.

PS: Mary Bottino ha inviato questo interessante frame, tratto da un suo video. La domanda è stata: "Di cosa si tratta?". Si tratta di una delle tante varietà Beta.


10 commenti:

  1. È molto terrificante per vedere il tutto, soprattutto se non sai cosa sia.

    RispondiElimina
  2. Bella raccolta di fotografie di insetti. Nell'immagine n.10 è palese che si tratti di una semplice mosca.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E no! E' chiaramente una famosissima entita' Beta travestita da mosca!!
      Sai la fatica che faccio io a riconoscere le Beta dalle mosche prima di ammazzarne una?? E sai quanto mi interessa??? :)

      Elimina
    2. Mi scrivi per dirmi che non ti interessa; ma se non ti interessa, perché perdi tempo a leggermi e scrivermi?.. leggi altro!.. chi ti cerca!..

      Elimina
  3. ..riscontro che sei un esperto di insetti e di fotografia. Quando avrai occasione, inviami immagini di insetti uguali e non simili. Possibilmente anche filmati..Saluti

    RispondiElimina
  4. Nell'immagine 15 ,nel riquadro che 1 ,quella che tu identifichi sia scia di condensa è molto probabilmente una scia chimica non persistente, informati sul fenomeno visto che hai messo una mare di link al riguardo! le scie di condensa sono un fenomeno rarissimo che si verifica solo in presenza e coincidenza di particolari condizioni di altitudine(almeno 8000m) umidità sopra al 72% e temp -41 gradi celsius ,quindi praticamente tutte le scie che si vedono da terra ad occhio nudo sono chimiche,in quanto a 8000 m un aereo di normali dimensione praticamente non si vede,mentre quelli che fanno quelle scie(chimiche) non persistenti ,sono ben visibili e quindi al max a 3000m,quota non idonea alla formazione di condensa! OKKio!!

    RispondiElimina
  5. .. ora che ha esternato in anonimo e con un pizzico di livore, quali sono le condizioni necessarie alla formazione delle scie chimiche, in un articolo non pertinente; sappia che anche la scia invisibile che lascia il suo motorino è chimica..

    RispondiElimina
  6. ..eventuali contestazioni relative alla questione "scie chimiche", devono essere fatte dopo aver letto i tre seguenti articoli nel quale esprimo le mie considerazioni e l'attuale mia posizione:

    http://presenze-aliene.blogspot.com/2011/02/pazzia-umana-2-le-scie-chimiche.html
    http://presenze-aliene.blogspot.com/2011/04/le-irrorazioni-chimiche.html
    http://presenze-aliene.blogspot.com/2011/02/scie-chimiche-immagini.html

    RispondiElimina
  7. bravo! continua a fare disinformazione cosciente sul chimico! complimenti!! vergogna..

    RispondiElimina
  8. ..visto che il mio italiano e il tuo non sono compatibili; elimina il mio blog dai tuoi preferiti.Addio

    RispondiElimina