Presenze Aliene

sabato 27 dicembre 2014

Ufo-boati- caccia svizzeri Valtellina 2014

UFO – BOATI – CACCIA svizzeri.
Valtellina 2014

Di Dario Giacoletto


L’anno 2014 della Valmalenco e Valtellina, dal punto di vista ufologico, ha manifestato una riduzione del fenomeno. Purtroppo a farla da padrone è stato il cattivo tempo, molta pioggia, molta nuvolosità quindi, scarsa visibilità. Di conseguenza era inevitabile, il calo degli avvistamenti rispetto alle precedenti intense annate. Non è cambiata però, a detta di osservatori locali, la situazione o almeno, non ne è stata riscontrata prova. Ufo, alieni e aerei caccia, continuano ad esserci, si attendono semplicemente momenti migliori. In effetti, negli ultimi giorni dell’anno, vi è stato nuovamente un incremento del fenomeno.

7/1/2014 Angelo Ottavio Marangoni, titolare del Rifugio Ponte di Lanzada, è divenuto un personaggio dell’ufologia della Valmalenco, in seguito ad una intervista comparsa in TV. Prima però già erano avvenuti altri fatti ufologici di rilievo che lo avevano coinvolto; ma andiamo per ordine.

Il giorno 7/1/2014 ore 15,10, venivano avvistate da Ottavio, numerose sfere bianche con sfumature varie, gialle arancio viola, che interagivano tra di loro, unendosi e dividendosi. Il signor Marangoni provvedeva a fotografarle, mediante una serie di foto in numero di nove. Di queste ne propongo due, con particolare ingrandito.



Le sfere sono state viste salire gradatamente, passando sopra la frazione che compare in foto, sino a perdersi nel cielo. A chi frequenta il suo rifugio, il signor Marangoni è disponibile a far vedere le foto e a raccontare quanto accadutogli.

.../3/2014: E’ comparso nelle librerie italiane il libro “Ufo i dossier italiani”.


Sono stati sette gli avvistamenti registrati nel 2013 dall’Aeronautica militare: 56 negli ultimi quattro anni, con un vero boom nel 2010 (22 casi) e un calo nel 2011 (17) e nel 2012 (10). Così compare nella presentazione del libro. Numeri che fanno sorridere, se si considera che questi numeri non basterebbero neanche per gli avvistamenti della Valmalenco. Ovviamente, questi sono i casi ufficialmente riconosciuti dall’aeronautica e non, quelli verificati. Tra quelli riconosciuti, due sono provenienti della Valmalenco e, sono clamorosi, in quanto presentano la testimonianza diretta delle forze dell’ordine. E’ lo stesso comandante della locale caserma dei carabinieri, che viene invitato dalle persone presenti in piazza, a prendere atto che sopra la caserma stazionava un ufo. Clamoroso!! Vedere: http://presenze-aliene.blogspot.it/2014/04/valmalenco-ufo-desecretati.html

10/4/2014: Cabello Walter da Chiesa di Valmalenco vede un ufo, pensa immediatamente di filmarlo. Questi ufo sono strani, specialmente di notte sono difficili da riprendere. Ad occhio si vedono in un modo, nei filmati compaiono in altro. Il video è di qualità modesta, ma nonostante ciò, offre la sua verace testimonianza. Tutti dovrebbero rendere testimonianza, come ha fatto Walter.  

14/4/2014: Pervenuta segnalazione da anonimo testimone, circa avvistamento di ufo fermo in cielo, sopra le dighe di Campo Moro, nell’alta Valmalenco. Il caso potrebbe essere interessante, ma occorrerebbero maggiori prove a sostegno.

1/5/2014: In questa data si è svolta a Chiesa di Valmalenco, una serata dedicata alle vicende ufologiche locali, come da locandina sopra esposta. Ottimo il successo di pubblico e la partecipazione ad dibattito. Questa data segna, per l’ufologia valtellinese, un punto di non ritorno. Quando è stata posta la domanda “Quanti tra i presenti in sala (circa 250 persone) possono testimoniare di aver visto cose particolari a carattere ufologico, alzino la mano”; si è vista un’alzata di mano di circa il 90%!! Come disse il presente e noto Gaspare de Lama; “Questa è la miglior risposta che ci si poteva aspettare!” Per la popolazione locale una certezza, “Non abbiamo le traveggole”. A confermarlo, erano presenti personaggi noti in vallata. Per la verità non si è trattato solamente di una serata; ma di qualcosa di più. Il pranzo di mezzogiorno per gli interessati di ufologia, si è svolto presso il panoramico Rifugio Ponte di Lanzada di Ottavio Marangoni di cui sopra e, già qui, era iniziato il dibattito della serata.


Alcuni giorni dopo ho ricevuto da segnalatore anonimo, ma probabilmente presente al Rifugio Ponte, la seguente informazione che attende conferma. Durante il pranzo, alcune persone sarebbero uscite per una boccata d’aria e per qualche foto. Una di queste avrebbe fotografato due entità aliene. Mi è difficile pensare che tra i presenti vi fosse qualche buontempone e, non è facile pensare che qualche mitomane abbia inviato il messaggio senza essere presente. Resto pertanto in attesa di conferme o smentite o, meglio ancora, delle foto.

3/5/2014: Segnalazione pervenuta alla locale stazione dei Carabinieri, da parte di due pensionati e due professionisti, i quali hanno visto Sabato mattina un ufo dalla contrada Costi. Altra conferma è pervenuta da Lanzada da una famiglia di Chiesa, con avvistamento dalla località Pradasc. L’ufo è stato visto partire da sopra Chiesa e dirigersi verso il Pizzo Scalino. Il tutto documentato con fotografie in formato Raw.



4/5/2014: ore 22.00 A.R. 48 anni di Sondrio vede e scatta due foto col telefonino, da Piazza Campello di Sondrio, a un ufo enorme, contornato da luce arancione, che viaggiava senza generare rumore. L’ufo è passato sopra il campanile della Collegiata, ha virato di 90° e si è diretto verso Albosaggia.

00/7/2014: Nel periodo maggio-giugno, sono stati segnalati numerosi avvistamenti di luci arancioni. Alcune piccole, altre più grandi.  A Chiesa in Valmalenco, le forze dell’ordine hanno svolto accertamenti per verificare eventuali attività umane nella zona: escluse del tutto, nulla di nulla è possibile da quelle parti (foto sotto) perché si tratta di un luogo disabitato e impervio; non ci sono strade, sentieri, costruzioni o altro, stiamo parlando di una sassaia rocciosa. E in particolare nella zona nella quale sono apparse le luci, ci si arriva solo in arrampicata. Scartata anche l’ipotesi di bracconieri, con luci o quant’altro: quanto è stato visto è una sorgente luminosa troppo intensa per essere riconducibile agli strumenti di chi, oltretutto, deve badare ad essere il più defilato possibile. Ultima considerazione: la stessa zona, l’anno scorso, è stata teatro della medesima anomalia e tra i testimoni (che dispongono pure di un video) ci sono alcuni personaggi pubblici.



Come dice Flavio Vanetti di Mistero bUFO, circa la consistenza e la veridicità dei casi dell’ufologia della Valtellina, “Pare che perfino gli scettici più agguerriti siano adesso senza parole…” Aggiungo io, continuano solamente più, gli irriducibili a prescindere e gli agenti segreti del discredito. In internet è individuabile il loro corpo d’armata. Basta riconoscerli.

10/7/2014: Statale 38, in località Poggiridenti. Erano circa le 22. Un operatore pubblico avvista queste strane luci e scatta delle foto con il proprio cellulare, delle quali una è la sottostante. Il giorno dopo, a Chiesa in Valmalenco, l’operatore viene avvicinato da otto persone del paese che gli riferiscono di aver visto, praticamente alla stessa ora, una luce molto strana. Ecco la testimonianza: “Eravamo seduti fuori da un bar, quando all’improvviso abbiamo visto salire da Sondrio, fulminea come un razzo, una luce arancione grande e molto intensa. All’altezza del centro abitato del paese, a poca distanza da noi, ha eseguito una virata in verticale, a 90 gradi, alzandosi in una frazione di secondo di circa 1000 metri – stima realistica – sparendo verso i Laghi di Chiesa, zona che è a 1890 metri di altezza. E’ stato un episodio impressionante e indimenticabile”. L’operatore ha mostrato la foto del cellulare e le otto persone hanno confermato che la luce era identica e che nel suo moto velocissimo era comunque molto silenziosa


18/7/2014: Livigno, passo del Foscagno. Appassionati di mineralogia scattano alcune foto. In una si vede una strana presenza a carattere ufologico. Nel riquadro in nero, l’ingrandimento dell’oggetto ripreso. Nel riquadro in verde, un ufo similare ripreso in altra occasione.


7 agosto 2014: Grazie a una giornata di tregua del maltempo, due giovani (degni di fiducia, sottolinea l’informatore, ndr) si mettono in marcia e salgono verso il Rifugio Marinelli.  Verso mezzogiorno passano nelle vicinanze di una parete rocciosa. Incuriositi dalla caduta di alcune piccole rocce, si fermano pensando di riuscire a immortalare qualche camoscio o qualche stambecco. Quando iniziano a fotografare con il cellulare, però, nulla è visibile. Per questo motivo, proseguono la marcia. Dopo mezz’ora circa, giunti nei paraggi del rifugio, avvertono uno strano ronzio proveniente dal cielo. Scattano delle foto, sempre con lo smartphone, ma non vedono nulla. Giunti però al “Marinelli”, rivedono con calma sul display quanto hanno ripreso. E con sorpresa notano che in due foto era effettivamente stato ripreso qualcosa di strano, per quanto non abbiano notato nulla ad occhio nudo. Le foto sono ora al vaglio.

8 agosto 2014 - Lanzada, frazione Vetto-Tornadri. In una serata umida, nella quale aveva piovuto, durante la sagra del paese alcuni bambini, e in seguito anche adulti avvisati dai piccoli, notano nel cielo tre luci intense, di color arancione. Volano alte verso il Pizzo Scalino (direzione Est-Ovest) e dopo aver viaggiato a velocità moderata, soffermandosi sopra Vetto-Tornadri, si alzano repentinamente, guadagnano quota e svaniscono all’altezza del Pizzo Scalino medesimo. Anche Mister X, dal terrazzo di casa sua, nota il fenomeno e lo fotografa con il cellulare, aprendo lo zoom al massimo. L’indomani, l’avvistamento è motivo di discussione a Chiesa in Valmalenco. I testimoni, inclusi turisti, sono numerosi e tutti hanno notato lo strano andamento delle luci.



16/10/2014: Nel pomeriggio, dopo le 16, in tutta la provincia di Sondrio, sono stati sentiti degli enormi boati, in particolare sopra l’Alpe di Colina a Berbenno quindi, vicino a Sondrio. Alcune persone, addirittura affermano di aver avuto timore di attentati terroristici! Il numero accreditato sarebbe di cinque, suddivisi in due gruppi. I vetri delle case hanno tremato, specialmente dove l’effetto eco è stato più forte. Di cosa si è trattato? Tutti i giornali locali hanno riportato la notizia e, ne hanno ipotizzato le cause.
·         Errore di valutazione nel dosaggio degli esplosivi nelle cave.
·         Esercitazione aereo militare svizzera, con esplosione di bombe a salve sopra Berbenno.
·         Sconfinamento di due aerei caccia, presumibilmente dell’aviazione svizzera, nel corso di ipotetica esercitazione militare.
In una vallata dove gli esplosivi sono usati abitualmente, la cosa non farebbe notizia, pertanto, la spiegazione degli esplosivi non regge. Il fatto poi, che questo errore sarebbe avvenuto in Valmalenco, maggiormente esclude questa possibilità. Essendo la Valmalenco una lunga valle laterale della Valtellina, in caso di boati, questi sono smorzati dalla conformazione del territorio e non amplifica l’effetto eco in basso sopra a Sondrio. Poi, sarebbe da stabilire se l’epicentro è stato sopra Berbenno oppure sopra l’alta Valmalenco. Probabilmente i boati hanno creato confusione in quanto si sono verificati in punti diversi della Valtellina.
Non regge nemmeno la spiegazione ipotetica dell’esercitazione militare svizzera e delle bombe a salve. Se la Svizzera ha necessità di far esplodere bombe a salve in Italia, allora cosa è l’Italia se non il feudo della Svizzera? Oppure, cosa è la Svizzera? Pur riconoscendo l’autorità svizzera, mi pare che questa strada non sia percorribile. Bombe a salve, poi..
 Ha invece consistenza il fatto che due aerei caccia sono stati effettivamente visti e segnalati da più persone e, parrebbe che siano anche stati fotografati. Conferme ufficiali non ci sono state ovviamente. Anche perché le autorità avrebbero dei problemi, a spiegare perché degli aerei militari hanno volato così in basso a velocità supersonica. Vi è poi da spiegare, perché gli aerei caccia che sono stati visti in tutta una serie di scrambler avvenuti in passato sulla Valtellina, erano sempre aerei americani, svizzeri oppure di nazionalità incerta. Ma questo si può spiegare e, lo farò nel prossimo articolo. Curioso il fatto che la prefettura ha rilasciato la notizia secondo il quale i boati, sarebbero stati generati da errore nel dosaggio dell’esplosivo in Valmalenco.  Sarebbe interessante sapere quali prove oggettive hanno a sostegno e, per quale motivo i valligiani non sanno più riconoscere le esplosioni nelle cave.
Occorre però riconoscere che il fenomeno dei boati, da un po' di tempo, si manifesta un po' ovunque e, sino ad ora, risposte soddisfacenti non sono state date. Probabilmente ci sono cause diverse che generano lo stesso effetto o quasi. 

20/11/14: Ufo di Livigno. Le informazioni relative a questo caso sono riportate al seguente indirizzo: http://presenze-aliene.blogspot.it/2014/11/lufo-di-livigno.html pertanto non mi ripeto. Considero veritiero questo caso, nonostante si sia tentato di delegittimarlo. Se non è veritiero, occorrono allora nuove e più consistenti prove. Quelle pubblicate da "I love Livigno", sono state ampiamente confutate.


Negli ultimi giorni dell’anno, sono pervenute altre numerose segnalazioni. Fatta la panoramica dell’anno che va a finire; resta da chiedersi per quale motivo ho inserito la vicenda dei boati oppure dello sconfinamento degli aerei svizzeri, tra le vicende ufologiche. A questa domanda risponderò in prossimo articolo, spiegando cosa è il CBA e il perché dei caccia insistenti sopra la Valtellina. 











domenica 21 dicembre 2014

8-Fotografia aliena

8-Fotografia aliena

Di Dario Giacoletto


Foto 74: Foto di Teodora Siddi, che così afferma “Era il 1994, passeggiavamo per le stradine verso un monte (provincia di Latina) sentimmo dei rumori, e allora scattai verso la provenienza del rumore, (da premettere che era una bella giornata, e non c'era vento) noi ad occhio non avevamo visto nulla, ma poi sviluppando il rullino, abbiamo notato un'anomalia. Non so cosa fosse, uno spirito?!! Alieno!?? guardate anche voi e ditemi la vostra, di questa foto ho anche il negativo! questa foto la volevo mandare anche a Mistero, per farla analizzare a loro. 


La foto è sicuramente molto interessante, peccato il non essere stata fatta in digitale e il non aver fatto più scatti. La foto evidenzia, accovacciato tra la vegetazione, un essere alieno. In questo caso, il termine alieno significa “estraneo al genere umano”; ma vediamo l’ingrandimento della parte interessata.


Qui non siamo di fronte ad alieni che provengono dallo spazio sopra astronavi, navicelle o ufo. La sensazione è di trovarsi di fronte ad un essere del piccolo popolo ovvero, uno di quelli che in passato erano menzionati nel folklore popolare, quali nani, gnomi, elfi, folletti ecc.

Foto 75: Il testimone in questo caso, non mi ha inviato la foto dell’ufo; ma la cartina con indicato dove ha visto l'ufo.
Salve,
con la presente intendo segnalare di aver avvistato quel che a tutti gli effetti si può definire un ufo. Questi i fatti: sono un pendolare che ogni giorno prende il pullman per raggiungere il posto di lavoro, in data 23/10/2014 ad ore 18:45 circa ero appunto sul pullman che mi portava a casa quando ho notato in cielo un oggetto luminoso che ad una prima occhiata m'era parsa una stella ma molto molto più grande, di color giallo oro e perfettamente rotondo. Dopo aver osservato meglio tale oggetto però, ho notato che si muoveva; ho pensato fosse un aereo illuminato dagli ultimi raggi del sole ma so che se fosse stato così il bagliore riflesso avrebbe dovuto essere all'incirca di color grigio argento ma ripeto, l'oggetto da me avvistato era di color giallo brillante e rotondo (o probabilmente sferico). Inoltre non ho scorto le ali né la scia di condensa. Tale oggetto ha attraversato il cielo scomparendo oltre le montagne all'orizzonte. La durata dell'avvistamento è quantificabile in un paio di minuti al massimo. Allego l'immagine di una mappa con segnata la mia posizione e la direzione stimata dell'oggetto. Non ho fatto fotografie né video con lo smartphone in quanto sarebbero risultati sicuramente mossi perché ero sul pullman. E' la prima volta che mi capita un'osservazione di questo genere, non nascondo che ci ho sempre sperato.

Cordialmente, A. B. - prov. di Trento


Foto 76: Foto di Corrado Midolo, il quale fa notare che sono presenti tutta una serie di volti vagamente accennati. La stranezza di questo aspetto, è che non compare in tutte le fotografie, per cui si potrebbe ipotizzare un gioco di casualità o d’interpretazione forzata; ma compare solamente in alcune foto. Vedere: http://presenze-aliene.blogspot.it/2013/09/volti-alieni-e-pareidolia.html


Foto 77: Foto inviata da Riccardo Stefani, scattata il giorno 5/12/2013 ore 12,23 con un Nokia Lumia 820, sulle Alpi cuneesi. Sostiene di essere stato attratto dalla anomala scia, quindi di aver deciso di fotografarla. Sostiene inoltre di non aver sentito alcun rumore di aereo e neanche, di averlo visto. Ha semplicemente visto formarsi la scia, da fonte imprecisata.



Come evidente nel sottostante ingrandimento, Riccardo ha perfettamente ragione. La scia è anomala in quanto non è una scia di condensa naturale e neanche è una scia da irrorazione chimica da aereo; in quanto la scia è generata da un ufo. Qualcuno potrebbe obiettare che è una scia chimica generata da un aereo mimetizzato, invisibile, fantasma; ma questa foto eccezionale dimostra in modo inequivocabile, che sarebbe in errore. Nessun aereo convenzionale seppur mimetizzato, potrebbe compiere la svolta improvvisa che compare nella foto. E poi, l’aereo dove sta? Gli esperti di scie chimiche, che negano la presenza di ufo autori di scie similari, possono iniziare a ravvedersi. Le prove sono evidenti nei video del web, basta vederle ed accettarle. Vedere: http://presenze-aliene.blogspot.it/2014/07/ufo-e-scie-le-provedalla-valmalenco-di.html Ai sostenitori che queste sono scie chimiche da ufo, una domanda: “E’ stato provato che le scie sono chimiche, oppure è una vostra illazione?”. Complimenti Riccardo, foto ottima. Peccato che non ci siano altre foto con maggiore zoom sui particolari.



Foto 78: Il signor Antonio Cilento mi ha inviato serie di foto di suoi avvistamenti. Interessante potrebbe essere quello avvenuto il 14/5/2014 ore 16 nella zona Fondi in provincia di Latina. Antonio nota sopra una montagna a lui ben nota, una persistente forte luminosità, che secondo la sua opinione proprio non dovrebbe esserci. Quindi la fotografa col suo samsung gt 19505.


Effettivamente la luminosità è forte e di notevole dimensione. Non mi dice però il signor Antonio, se la luminosità si muoveva, se è andata via o si è spenta. Fenomeni esteticamente similari si sono verificati spesso; ma diventano degni di considerazione quando la luminosità è vista muoversi o volare via.

Foto 79: Purtroppo, anche ingrandendo non si ottiene molto. Consiglio al signor Antonio, di indagare tra le segnalazioni di quel giorno in quella zona, se sono stati fatti avvistamenti ufo. Consiglio di fotografare nuovamente con fotocamera più potente o di guardare con binocolo, il punto interessato, se non è possibile fare una visitina sul posto.


Foto 80: Indagando nel tentativo di trovare conferme, emergono segnalazioni di avvistamenti in zona. Un testimone che aveva notato questa anomala luminosità, ha fotografato a sua volta. La foto è la sottostante. In questo caso la luminosità parrebbe avere un sostegno sottostante e quindi si tratterebbe di cosa o struttura umana. Tutte le testimonianze considerate però, sostengono che la zona più interessante è il vicino lago di Fondi. Purtroppo dalle foto inviate, non è possibile avere conferme certe. L’ipotesi potrebbe essere, che sia stato installato un pannello riflettente o luminoso.


Foto 81: Foto inviata da anonimo, il quale chiede se la sfera bianca è un ufo oppure un riflesso causato dal controluce. A mio parere la cosa migliore sarebbe accertare se la fotocamera/telefonino, produce riverberi del genere; per cui farei delle foto di prova controluce in situazioni similari. La posizione della sfera farebbe pensare di sì; ma si potrebbe anche trattare di casualità. In genere questi riverberi si presentano come nella foto n.82 e non in questo modo. Esteticamente invece, questa sfera è simile a quella della foto 83 e quindi farebbe ipotizzare che si tratti di vera sfera ufo.


Come si può notare mediante l’ingrandimento sottostante, la sfera si presenta in modo molto ovattato, dai contorni non nitidi e, offre il senso della sfericità e di una zona ombrosa. Tutti aspetti non tipici del riverbero controluce.


Foto 82: La foto sottostante, inviata da autore anonimo, forse convinto che si tratti di evento ufologico o miracolistico; è parte di una serie di foto. Pubblico la sottostante, in quanto è l’esempio che meglio evidenzia quanto potrebbe essere successo con la foto n.81. In questo caso la foto è controluce e la sua fotocamera, per una questione tecnica, non gestisce in modo appropriato la chiusura, che pertanto genera quella sferetta bianca con quell’alone semisferico intorno. La sferetta bianca è estremamente nitida, piatta, ben definita e uniforme; mentre nei casi di ufo/sfere bianche, pur essendo simili, sono generalmente alquanto ovattare. Quella sottostante non offre il senso di sfericità, mentre le sfere ufo lo offrono. Nella foto sottostante, compare poi (riquadro in alto), la presenza di una entità Beta: http://presenze-aliene.blogspot.it/2011/02/entita-beta-1.html   Ovviamente, codesta compare in una sola foto, causa la sua alta velocità; mentre il riflesso compare in tutte e, si va a collocare in ciascuna foto, in base all’inclinazione dell’obiettivo rispetto alla fonte luminosa.


Foto 83: Foto di Valerio Bertoli 28/9/2012 Buccinasco Milano. In questo caso invece siamo di fronte ad un ufo tipo sfera bianca. Negli ultimi anni sono diventati molto frequenti questi avvistamenti e, numerosi i filmati e le foto che le riprendono. Vedere: http://presenze-aliene.blogspot.it/2013/08/ufo-sfere-bianche.html Valerio le ha fotografate più volte e mi ha inviato più foto. Come si può notare, qui non siamo controluce e il senso di sfericità è molto forte. Quindi, trattasi a mio parere, di ufo autentico.


Foto 84: Il giorno 02/11/2014 nel pomeriggio, Antonino Lo Grasso di S. Antonino di Susa (Val Susa-Torino) si trovava a Borgone di Susa presso il bar Penna, quando ad un certo punto nota delle considerevoli e anomali scie d’aereo. Decide quindi di fotografarle col cellulare, foto sottostante, ingrandita dall’originale:



Foto 85: A distanza di circa venti minuti, scatta una seconda foto, la n.85. Torna a casa, guarda le foto e, con sconcerto nota quanto compare nella prima foto. Posta la foto su Facebook e avvia la discussione. Trattasi di ufo o no? Nell’immediatezza pare di sì. Diciassette sferette bianche compongono una ellisse, sopra i monti della val Susa. La foto è spettacolare e d’effetto. Preciso che Antonino al momento della foto non le aveva notate. Ciò induce il sospetto e quindi valuto con maggiore attenzione. La foto 85 svela l’arcano. Antonino ha fotografato da dentro il bar. Alle sue spalle vi era un lampadario con numerose lampadine. Queste erano riflesse sul vetro antistante quindi, sono state riprese in questo modo.


Trattasi quindi di finto ufo, al limite la foto serve per dimostrare quanto sia facile prendere lucciole per lanterne in ufologia. Ora però, ricordo che Antonino aveva scattato le foto, motivato dalle scie aeree. Quindi vediamo cosa ha ripreso in fatto di scie, mediate l’ingrandimento sottostante.




Si notano numerose scie nella stessa direzione e, una che le attraversa trasversalmente. Io stesso quel giorno avevo notato la persistente presenza di scie chimiche, ovvero dovute a irrorazione chimica intenzionale da parte di aerei apparentemente di linea, ma finalizzati all’irrorazione. Osservando con attenzione la foto, si nota che la scia trasversale, è generata senza la presenza di aereo, come nella foto n.77. La cosa è palese, in quanto non compare nell’ingrandimento e, neanche col tentativo di individuare anche solamente una vaga figura d’aereo. Alcuni teorici, sostengono che si tratta di aerei mimetizzati o aerei fantasma. Altri parlano di aerei virtuali. Io, dopo numerosi accertamenti, sostengo che questo genere di scia, è generata da ufo. Si tratta delle sfere bianche che, decidono di generare scie apparentemente come quelle di condensa o di quelle chimiche, ma di altra natura. Chi disponesse di prove diverse, è invitato ad esporle. Vedere: http://presenze-aliene.blogspot.it/2014/07/ufo-e-scie-le-provedalla-valmalenco-di.html e http://presenze-aliene.blogspot.it/2014/12/ufo-e-scie-le-prove-ci-sono.html
Il giudizio relativo alle due foto di Tonino Lo Grasso è pertanto il seguente: La foto 84 non riprende un ufo composto di 17 luci o sfere; ma riprende un ufo sfera che genera una scia apparentemente di condensa. Si resta quindi in ambito ufologico, ma non come si era inizialmente pensato.

Un grazie a tutti gli autori delle foto pubblicate.









domenica 14 dicembre 2014

Ufo e scie-Le prove ci sono.

Ufo e scie
Le prove ci sono, ma occorre riconoscerle.

Di Dario Giacoletto


Negli ultimi tempi, compaiono sempre più di frequente strane scie, con strane traiettorie e, strani cerchi nel cielo. In alcuni casi, affermare che si tratta di scie di condensa è legittimo, seppure anomalo rispetto ad eventuali aerei di linea e rispetto a quelli che sono i valori necessari affinché la scia di condensa si verifichi. Che siano presenti apparenti scie di condensa che invece sono di natura chimica, prodotte da intenzionali irrorazioni, è cosa assodata. Quando però si va ad indagare meglio, aumenta lo sconcerto. In alcuni casi sono visibili aerei che di linea non sono. In altri casi, compaiono strani aerei che in genere sono definiti “aerei fantasma”. Parzialmente visibili o totalmente invisibili, hanno fatto sorgere l’idea dell’aereo virtuale. Aumenta però ancora lo sconcerto, quando si giunge a costatare che in alcuni casi non si tratta di aerei, ma di altra causa! Ho pubblicato le prove in: http://presenze-aliene.blogspot.it/2014/07/ufo-e-scie-le-provedalla-valmalenco-di.html Alcuni contestatori mi hanno invitato, a dedicarmi ai fumetti di fantascienza. Altri che invece hanno compreso, mi hanno segnalato eventi avvenuti a Taranto, dalla Svizzera, dalle Alpi cuneesi, al quale aggiungo io, i clamorosi eventi di Terralba.
E’ comparso su Youtube in data 19/11/2014 il seguente interessante filmato: https://www.youtube.com/watch?v=Y6nA0yex-Yc


Se fosse stato presentato come filmato a carattere ufologico, avrebbe certamente destato reazione tra i detrattori. L’oggetto motivazionale del filmato, è invece lo strano cerchio generato da una scia, apparentemente di condensa. La domanda al quale rispondere è la seguente: “Si tratta di scia di condensa, di scia chimica o altro?”. Per quanto riguarda la veridicità ovvero la genuinità del filmato, premetto che non è stata fatta una analisi tecnica adeguata. Parto quindi dal presupposto che, fino a prova contraria, vale la presunzione d’innocenza; anche perché il filmato presenta aspetti secondari, non facilmente noti a falsari e ciarlatani vari che quindi, non sarebbero stati inseriti in un eventuale falso.

Inizia il filmato nel quale compare mezzo cerchio. Si va formando in senso orario, rispetto al punto d’osservazione. Non si vede aereo e sarebbe interessante sapere se era percepibile rumore di reattori. Al punto 00,37’’, si presenta il seguente fotogramma:

1

2

Come evidente dall’ingrandimento e, dai tentativi di evidenziare l’aereo mediante giochi di contrasto, dell’aereo non vi è alcuna prova. Dopo che il cerchio è compiuto, al punto 1’,31’’10 - compare il sottostante fotogramma, nel quale si vede una presenza che attraversa il campo di ripresa. Per la verità, di queste presenze ne sono già passate diverse. Sono molto veloci e non vi è prova che si tratta di comuni volatili o di insetti. Sicuramente qualcuno penserà: “Ma cosa vuoi che siano!”. Scopriremo assieme di cosa si tratta.

3

Al punto 1’,52’’,01- Il fotogramma sottostante, dimostra senza remora alcuna, che siamo in presenza di “Entità Beta”. http://presenze-aliene.blogspot.it/2011/02/entita-beta-1.html 
I non addetti e ancora di più i detrattori, affermeranno che siamo di fronte ad un banale moscone. Io invito costoro a fotografare o filmare un moscone e, a inviarmi una foto che lo evidenzi uguale; intanto faccio notare che per riprendere un moscone con questa nitidezza, mentre la videocamera è focalizzata lontano, significa che il moscone era molto grande, altrimenti lo avrebbe ripreso sfocato, se fosse passato vicino!

4

Punto 1’,52,02 del filmato. La presenza ha attraversato il campo di ripresa in n.3 fotogrammi. Considerando la distanza al quale doveva essere, si deduce che è stato velocissimo. Queste presenze, che la scienza tace, sono fotografabili ma non visibili a occhio nudo. Sono però visibili mediante visori, oppure anche mediante il mirino di alcune fotocamere e videocamere e, mentre sono riprese. Provare per credere! Queste presenze, a parere mio, non sono da porsi in relazione alle presenze che hanno generato la scia circolare; in quanto sono costantemente presenti nelle zone del sud Italia, mentre tendono a scomparire nel nord Italia in inverno.

5

Spesso mi chiedo cosa si potrebbe ottenere, se le riprese delle presenze aliene, fossero fatte con mezzi professionali o meglio, se potessimo avere a disposizione le riprese professionali, del quale sicuramente dispongono gli apparati militari e di potere! Le entità "Beta" stanno scorrazzando nel  campo di ripresa. Al punto 1'53,23, è ripresa frontalmente e pertanto si presenta in questo modo.


6

Questo fotogramma dimostra quanto facilmente si potrebbe scambiare questa immagine per un'immagine di ufo/macchina volante e spesso, questo fraintendimento compare in internet. Occorre però precisare che manca completamente l'informazione necessaria. Consideriamo ora il punto 2’13’’02 Sottostante:

7

Il fotogramma, ingrandito e aumentato nel contrasto, evidenzia in modo inequivocabile la non presenza di un aereo, ma di qualcosa d'altro che genera dietro di se la scia. Questa immagine mette a tacere coloro che nel web insistono affermando che si tratta di un aereo che sta compiendo un giro per portarsi alla quota necessaria. Lo dimostra perché, dopo aver effettuato un intero giro, non vi è prova che si sia alzato molto, anzi, quasi nulla! Dopodiché scompare la scia, nonostante il presunto aereo si trovi pressoché all’altezza del giro precedente; ma i denigratori fanno finta di non vedere. Così come fanno finta di non vedere il fatto che se fosse stato un aereo, avrebbe girato troppo stretto, specialmente nella parte sinistra.
Ad un certo punto 2’,42’’ del filmato, fotogramma 8, la causa che ha generato la scia, termina di generarla e scompare. Interessante il fatto che termina, non in modo netto, all'improvviso, ma con progressione e, contemporaneamente è presente della intermittenza. Si potrebbe ipotizzare, che siano presenti le tipiche sfere bianche e, che siano state loro a generare la scia circolare.

8

Tutto parrebbe essere terminato, il reporter se ne rende conto e tenta di zoomare maggiormente, ma con scarsi risultati. Avviene però ancora, qualcosa di interessante. Al punto 4’05’’ sfrecciano in direzione verticale/discendente tre presenze evanescenti. Fotogramma n.9. Sono così evanescenti, in quanto il troppo zoom mentre loro passano più vicine e ad alta velocità, le rende sfocate. Peccato, in quanto probabilmente queste sono le stesse sfere che hanno generato la scia o al limite, altre della stessa tipologia. Potrebbero essere le stesse tre che si vedono al momento in cui termina la scia nel fotogramma 8.

9

Conclusione: A mio parere il filmato è genuino e interessante. Presenta diversi aspetti tipici dell’ufologia. Al momento non sono in possesso di alcuni dati quali, chi è l’autore del filmato, quando e esattamente dove è stato girato. Ho provveduto a inoltrare la richiesta; ma Taras tv non risponde. Se riceverò risposta provvederò ad inserirla. La domanda ad inizio articolo, era stabilire se si tratta di scia chimica, da condensa o altro. Come evidente non è scia di condensa. Neanche scia chimica da irrorazione di aereo. Siamo di fronte a scia apparentemente di condensa, generata da causa aliena, ovvero estranea. Non vi è prova che si tratti di scia chimica in quanto queste entità aliene, non penso che vadano in giro con lo zaino carico di veleni. Non posso escludere nulla, ma l’ipotesi più plausibile è che non si tratta di scia chimica.

Dalla Svizzera
Dalla città di Valens, inviatami da Deborah Ramarino, questa foto di Stella D'Ambrosio, scattata il 20/11/2014. Anche in questo caso, siamo di fronte ad apparenti scie di condensa. Tre cerchi incompleti o meglio, una inversione a U dei tre mezzi che producono le scie. 

10

Ingrandendo la fotografia, si inizia a riscontrare che sono presenti delle strane anomalie. Intanto, come nel caso di Taranto, non sono presenti aerei. Poi, le scie paiono troppo basse, per trovarsi nelle condizioni ambientali necessarie per verificarsi. Siamo quindi, fuori dai parametri necessari riconosciuti dalla scienza.

11

La foto è molto interessante, vediamo perché. Osservando la scia circolare più netta e più vicina, si nota che è stata prodotta con direzione antioraria da una causa da definire. Vediamo il sottostante ingrandimento, maggiormente contrastato, per evidenziarne i particolari. Nel riquadro in nero, la strana e innaturale conformazione della scia.

12

Come evidente, anche in questo caso non vi è traccia di aerei. Anche in questo caso, come quello di Taranto, precedenti della Valmalenco o quelli clamorosi di Terralba; la storia si ripete. La scienza ignora e tace. Le autorità, o pregano, o auspicano, oppure fanno retorica sviante. I denigratori a pagamento, al servizio del sistema, fanno opera di delegittimazione. Intanto chi alza gli occhi al cielo, può vedere questa realtà inspiegata. Quando il popolo vede ciò che non è spiegato dalle autorità preposte, può democraticamente risolvere il problema chiudendo gli occhi, come da volontà superiore! L’Adam Kadmon della trasmissione Mistero, di alcuni giorni fa, ha ipotizzato che certe scie chimiche sono prodotte da avanzata tecnologia terrestre mediante delle sfere bianche!! Sconcertante quanto sono disposti a dire, pur di nascondere la verità ufologica!! Torniamo alla foto.
Altro particolare interessante, lo si vede in cima alla pianta di destra. Due anomali scie, salgono in verticale. Prendiamo in considerazione quella più evidente che sta sotto la scia circolare; e notiamo, quanto evidente. Anche in questo caso niente aereo, ma come nel particolare dell’ingrandimento precedente, la scia nasce da una vaga sfericità. Chi ha indagato a fondo queste sfericità, ha avuto occasione di costatare che sono in grado di comparire dal nulla visibile (ma non dal nulla sostanziale); compiere quanto opportuno (in questo caso generare le evidenti scie) e poi scomparire o meno secondo loro volontà. Ora però nasce la seguente domanda; siamo di fronte ad autori che producono le scie in modo conseguenziale, ovvero da conseguenza inevitabile, oppure siamo di fronte a intenzionalità? Io non esito ad affermare che si tratta di intenzionalità, in quanto è evidente dalle immagini considerate, che queste sfericità aliene, possono viaggiare tranquillamente senza produrre scie similari a quelle di condensa.


Un grazie agli autori delle foto, del filmato e un invito: “Osservate con attenzione, il cielo e le scie. Informatevi e fate informazione. Ieri ci uccidevano con l’amianto; oggi i nostri, ci uccidono con le irrorazioni chimiche. Tutto per amore del loro dio.” Le entità aliene, probabilmente ci stanno semplicemente avvertendo di osservare meglio il cielo!
















sabato 29 novembre 2014

Orbs senza limite di T.Garau

ORBS senza limite
Foto di Tonina Garau

di Dario Giacoletto

Foto scattata il 27/11/2014 ore 20,53. Inviata da Tonina Garau, con l’intento di portare informazione, in un ambito pervaso da confusione, mistificazioni e disinformazione. Da quando io ho deciso di fotografare l’insolito e di considerare quanto altri di insolito fotografano; ho visto dell’incredibile. Anche questa foto è notevole e merita la messa in archivio.

Ecco la foto nella versione originale. 


Parrebbe una delle tante foto di orbs, che ormai in tanti conoscono. Appena però si va ad ingrandire, oltre ai due interessanti orbs bianchi e più luminosi, già di per se interessanti, si scorge in alto a sinistra, un orb particolare, con dei particolari eccezionali.


Ingrandendo ancora, compare un volto. Il termine orbs, è generalmente inteso in modo troppo riduttivo rispetto al valore reale del fenomeno. Io affermo da parecchio tempo che gli orbs (da non confondersi con altre cose esteticamente similari che però orbs non sono), sono entità e, sostengo che sono entità in grado di manifestarsi singolarmente oppure mediante forme assemblate. Quando lo fanno, generano vistosi esseri di luce e, in altre occasioni, manifestazioni ufologiche. Vedere: http://presenze-aliene.blogspot.it/2010/11/eccezionale-evento-ufologico.html


Come è possibile notare, si vede una parziale sfera forse appiattita nella parte frontale. Ciò che però attrae maggiormente l’attenzione, è la parvenza di volto o volendo muso, presente nella parte superiore. Di solito in questo tipo di manifestazioni, quando compaiono volti, sono piatti ovvero bidimensionali, sembrano disegnati. In questo caso invece, si ha il senso della profondità e dell’altorilievo. La testa sembra uscire dalla massa orb e trasmette il senso della tridimensionalità e di realtà. Ingrandendo ancora, si resta meravigliati. In questo genere di fotografie, si corre il rischio di vedere lucciole per lanterne e di finire nella pareidolia; ma qui il senso di realtà che genera è davvero notevole.


Altro particolare interessante è l’infossatura o spacco che percorre l’orb. Questo particolare è molto frequente, sembra una bocca se visto di lato; ma non è frequente riprenderlo tanto vistoso e profondo. Riporto la sottostante bella fotografia di Claudia Flore, in quanto evidenzia l’infossatura vista di fianco. Pare una bocca parzialmente aperta. A coronamento, non manca quanto si può ipotizzare come occhio e, forzando la fantasia, l’accenno al naso. Chi poi volesse giocare ancora un po’, potrebbe mediante dosaggio di luce e contrasto, evidenziare un altro occhio e ipotetico naso tali, da generare un volto visto frontalmente. Siamo di fronte a entità intelligenti, che possono assumere le sembianze che vogliono.


Torniamo alla foto di Tonina, del quale esprimo il messaggio che a me trasmette: “Possiamo dividerci e, possiamo manifestarci come ci pare. A voi comprendere”. Non vi è limite a ciò che possono fare; in quanto possono generare materializzazioni parziali o totali. Quindi, immagini di volti, volti in rilievo, volti tridimensionali, corpi umanoidi parziali o totali, corpi esteticamente alieni, fantasmi o ufo. La sottostante è una foto che feci anni fa. Nello scatto precedente era un normale orb. Nel secondo, vedete voi, la presenza è sospesa in aria. Pertanto, a mio parere, il volto che si va concretizzando nella foto di Tonina, è l’inizio della concretizzazione di un corpo umanoide, per questo motivo, lo si vede fuoriuscire in forma tridimensionale. In altri casi invece, la concretizzazione non avviene iniziando con la testa; ma diventa denso gradatamente il corpo in toto.


Un mondo da favola esiste nei fumetti, nella mitologia, nel folklore del piccolo popolo, nella fantascienza; ma esiste anche per chi ha fatto della fotografia, l’opportunità per provare che almeno in parte qualcosa di straordinario e di vero esiste. Chi come me ha fatto una foto del genere, oppure come quella di Tonina; può affermare che non potrebbe un domani, effettivamente manifestarsi un uomo volante o, uomo falena o un alieno? Scientisti, non aprite questa porta!









mercoledì 26 novembre 2014

Adam Kadmon suicidato?

Adam Kadmon suicidato?

Di Dario Giacoletto


Imperversa nel web la notizia in base al quale un carabiniere è stato trovato morto in caserma, dopo che aveva scritto: “Sono Adam Kadmon, mi chiuderanno la bocca”. Non sono io in grado di dire quanta verità vi sia in questa vicenda; pertanto consiglio di considerarla con accortezza. Se ho deciso di pubblicarla, è perché condivido il senso del messaggio lasciato. Se questa vicenda è falsa, emergerà che è tale. Se è vera, emergerà che è falsa. La mafia di sistema non permetterà che sia diversamente! Confermerà l’informazione. Se si è suicidato emergerà che si è suicidato. Se lo hanno ucciso o suicidato, emergerà che si è suicidato! Il post a seguire, è tratto da “Segni dal cielo”. http://www.segnidalcielo.it/carabiniere-trovato-morto-in-circostanze-misteriose-su-fb-aveva-scritto-sono-adam-kadmon-mi-chiuderanno-la-bocca/

Carabiniere trovato morto in circostanze misteriose, su Fb aveva scritto: ”Sono Adam Kadmon, mi chiuderanno la bocca”

Una notizia a dir poco incredibile sta impazzando sul web ed alcune circostanze molto sospette sembrerebbero confermare questa ipotesi: un Carabiniere trovato morto in circostanze misteriose, sul suo profilo di Facebook aveva scritto: ”Sono Adam Kadmon, mi chiuderanno la bocca molto presto..qualcuno mi conosce sente le mie parole alla TV mi sono creato il personaggio con un attore di Adam kadmon, vi avevo promesso che avrei levato la maschera..” . Luis Miguel Chiasso, un carabiniere di Monterubiaglio ( Terni ) in servizio a Roma, è stato trovato la scorsa notte in caserma senza vita; l’uomo è stato ucciso con un colpo di arma da fuoco. La sua morte è avvolta nel mistero per via di un messaggio lasciato dal ragazzo, poche ore prima di morire, sulla sua pagina Facebook.

Luis prima di morire ha lanciato un messaggio incredibile alla popolazione italiana invitandola a diffondere queste dichiarazioni. Inoltre il ragazzo ha affermato di essere proprio lui l’informatore del noto attore Adam Kadmon, autore di dichiarazioni scottanti direttamente dalla trasmissione “Mistero”.
Vi riportiamo direttamente dalla sua pagina Facebook il suo messaggio:
“Ciao popolo. Vi prego condividete e urlate al mondo intero.  Sono Luis Miguel Chiasso, qualcuno mi conosce sente le mie parole alla TV mi sono creato il personaggio con un attore di Adam Kadmon, vi avevo promesso che avrei levato la maschera come faccio a sapere tante cose? Semplice, lavoro per i servizi segreti italiani ed internazionali da tempo sto vedendo cose a noi sconosciute cose non di questo mondo ma dei nostri creatori, purtroppo sapere determinate cose comporta delle responsabilità, mi resta poco da vivere e so già che stanno arrivando per chiudere la mia bocca per sempre.


Anni fa giurai questo “Giuro di essere fedele alla Repubblica italiana, di osservarne la Costituzione e le leggi e di adempiere con disciplina ed onore tutti i doveri del mio stato per la difesa della Patria e la salvaguardia delle libere istituzioni”.E ora popolo vi dico combattete ribellatevi fate che la mia morte non sia vana perché il popolo ha il diritto alla disobbedienza verso il governo quando questo perda legittimità agendo fuori dai limiti del mandato e il diritto all’uso consapevole dell’illegalità giustificato dallo stato di guerra che i governanti, tradendo il patto, avrebbero ripristinato:
“E se coloro che con la forza sopprimono il governo sono ribelli, i governanti stessi non possono essere giudicati altrimenti, se essi, che sono stati istituiti per la protezione e la conservazione del popolo e delle sue libertà e proprietà, le violano con la forza e tentano di sopprimerle, e quindi, ponendosi in stato di guerra con quelli che li avevano stabiliti come protettori e custodi della loro pace, sono propriamente, e con la maggiore aggravante, rebellantes, cioè a dire ribelli.

Ma se coloro, che dicono che questa dottrina getta il fondamento della ribellione, vogliono dire che può dare occasione a guerre civili o disordini intestini il dire al popolo che esso è sciolto dall’obbedienza quando si perpetrano attentati illegali contro le sue libertà e proprietà e può opporsi alla violenza illegittima dei suoi governanti istituiti, quando essi violino le sue proprietà contro la fiducia posta in loro, e che perciò questa dottrina, essendo così esiziale per la pace nel mondo, non deve essere ammessa, per la stessa ragione essi potrebbero parimenti dire che uomini onesti non possono opporsi a briganti e pirati, per il fatto che ciò può dar occasione a disordini o versamenti di sangue. Se in tali occasioni avviene qualche male, esso non deve essere imputato a chi difende il proprio diritto, ma a chi viola il diritto dei vicini. Se l’uomo innocente e onesto deve, per amor di pace, cedere passivamente tutto ciò che possiede a colui che vi attenta con la violenza, vorrei che si pensasse che razza di pace vi sarebbe al mondo, se la pace non consistesse che in violenza e rapine, e non dovesse essere conservata che per il vantaggio di briganti e oppressori. “
Un abbraccio Luis Miguel Chiasso (Adam)
Queste dichiarazioni stanno lasciando letteralmente a bocca aperta il popolo del web e alcuni quotidiani nazionali ne danno notizia oggi. Ma è anche vero che ci si sta interrogando su questa storia assurda.  Questo post su Facebook è stato pubblicato intorno alle ore 21 del 25 novembre 2014, dunque poche ore prima della sua morte. Al momento l’ipotesi più accreditata sembrerebbe essere quella del suicidio, ma le indagini sono ancora in corso. Le sue dichiarazioni sono esplosive, ed i carabinieri stanno effettuando tutte le verifiche del caso. Le dinamiche della sua morte sono ancora poco chiare ma molto strane secondo i racconti degli altri carabinieri che hanno provato a soccorrere il ragazzo.
Luis, poco prima di morire, avrebbe chiamato il 112 in stato confusionale, l’allarme è stato dato dal militare che ha risposto alla chiamata ed alcuni colleghi si sono immediatamente catapultati nella stanza del ragazzo. Dopo aver forzato la porta hanno trovato il corpo di Luis in una pozza di sangue; il ragazzo si sarebbe ucciso con l’arma di ordinanza. In questi casi bisogna proseguire con i piedi di piombo, ma queste circostanze sono alquanto sospette. Stiamo parlando di un ragazzo “scomodo” e troppo informato sulla realtà dei fatti? Si tratta realmente dell’ideatore del personaggio di Adam Kadmon? Era veramente lui l’anima del personaggio che diffondeva al mondo la verità? Le domande e gli interrogativi sono molteplici e la morte di questo povero ragazzo è avvolta nel mistero: chi era realmente?
Stefano S.
Redazione Segnidalcielo