Presenze Aliene

mercoledì 7 gennaio 2015

Ufo in Grand Canyon

Ufo in Grand Canyon

Di Dario Giacoletto


Invitato dal gruppo “Ufo che passione” ad esprimere la mia opinione, nei confronti della foto sotto esposta, così esprimo.


Premetto, che non potendo in assoluto affermare la genuinità della foto, non avendo a disposizione l’originale; ogni mia valutazione parte dal presupposto di genuinità, sino a prova contraria. Siamo nel Grand Canyon, dove viene fotografata una presenza anomala rispetto all’ambiente. Si tratta di quella matassa azzurrognola, che nulla ha che fare con l’ambiente circostante. Ingrandimento sotto.


Osservando con attenzione l’ingrandimento della matassa azzurrognola, si nota che in una parte di essa, compare una zona più scura. Corrado M. non poteva non andare a guardarci dentro; quindi, produce una elaborazione che ne evidenzia i particolari. Immagine sotto. Come si può notare, dalla parte più scura emerge una forma.


Corrado non è soddisfatto, occorre andare oltre. Trattando l’immagine con adeguati filtri, dalla vaga figura di prima, emerge l’incredibile. Il vago volto di un umanoide. Anzi, più che il vago volto di un umanoide, sembra il tipico volto alieno delle entità mutaforma, erroneamente spesso accostate ai grigi.


Ora i casi possibili sono due. O si tratta di pareidolia, ovvero ciò pare che sia, ma non è; oppure pare che sia ed è. Se questa foto fosse l’unica a manifestare un aspetto del genere, non esiterei a scartare la possibilità che si tratti di una presenza aliena e accantonerei questa ipotesi. Rimarrebbe unicamente da spiegare la presenza della matassa azzurrognola. La faccenda però, tira in ballo qualcosa di più grosso.
Ho affermato più volte nei miei articoli, che le entità aliene extra dimensionali, per intenderci quelle della Valtellina/Valmalenco, sono in grado di passare dalla impalpabilità eterea alla materializzazione e viceversa. Quando si materializzano, assumono le sembianze scelte. Uno degli aspetti estetici ricorrenti, è appunto quello che compare nella elaborazione della foto. Aspetto già riscontrato altrove, vediamo l’immagine sotto.


Il primo volto è tratto da una foto, di ipotetico orbs, di Luis Sanzaro: http://presenze-aliene.blogspot.it/2014/01/le-foto-di-luis-sanzaro.html Il secondo volto è tratto dalla sequenza fotografica http://presenze-aliene.blogspot.it/2014/05/lanonimo-cacciatore.html Questa sequenza spiega cosa è la matassa del Grand Canyon. La matassa è esattamente quanto è la sfera bianca della sequenza del cacciatore e, quanto è il presunto orbs della Sanzaro. La differenza di colore, non ha valore alcuno, in quanto si tratta semplicemente di differenza di frequenza percepita.


Quindi, è necessario che le persone prendano coscienza della realtà aliena. In questo caso devono prendere coscienza del fatto che esiste una ufologia parafisica, ovvero con fisicità incostante, dove le entità parafisiche sono dei mutanti o muaforma e, possono trascendere tranquillamente la fisicità comunemente intesa. Torniamo però alla foto iniziale. L’entità che emerge dalla elaborazione fotografica, avrebbe potuto tranquillamente non farsi riprendere. Sapeva di essere fotografata e avrebbe potuto indirizzarsi verso la frequenza del non fotografabile. Ripeto l’affermazione fatta più volte. Queste entità sono particolarmente telepatiche e, sono in grado di anticipare le azioni dell’uomo. Quando si lasciano fotografare, è perché offrono alla umanità la possibilità di prendere coscienza della loro presenza. Queste entità non hanno nulla a che fare con quelle con il quale il governo Usa/Vaticano avrebbero stipulato accordo. Siccome la manifestazione di queste sfere si va facendo sempre più consistente, è opportuno prenderne atto. Così come si deve prendere atto del fatto, che quando queste sfere si compattano numerose; generano esseri di luce e così detti ufo, per alcuni astronavi.


Nel caso della fotografia del Grand Canyon, ho accennato al volto; ma una analisi più approfondita ha rilevato una realtà ben diversa. Non una sfera (o matassa) con una entità singola. Non due entità come nel caso della sfera della Valmalenco; ma guardate l’elaborazione fotografica.








2 commenti:

  1. Sinceramente sono un po preoccupato... siccome anch'io ultimamente scattando una foto mi sono accorto di aver immortalato uno spettro pressapoco simile a quelli che tu proponi qui sul tuo blog, e poiché la sera stessa che scattai quella foto ebbi un contatto paranormale che mi ha terrorizzato, senza tralasciare il fatto che su altre mie foto mi sono accorto di ulteriori spettri. Inoltre siccome è da circa 4 anni che avvisto degli Ufo, anche di un certo impatto visivo, e di cui oltretutto ogniqualvolta mi affaccio alla finestra o al balcone è come se vi sono indotto a seguito di induzioni telepatiche, proprio perché prima di affacciarmi alla suddetta finestra/balcone sento la necessità di affacciarmi poiché accompagnato da un senso di irrequietezza che inspiegabilmente mi pervade, come se fossi osservato da qualcuno... Di recente non casualmente ho notato un paio di foto di un mio contatto su facebook, una ragazza Thailandese, avente essa la pupilla verticale, ed a inquietarmi ancor di più è stato il fatto che sul sito della compagnia aerea Thailandese c'è una foto di alcune loro ragazze aventi le dita delle mani deformate! Insomma, ti posso assicurare che le foto sono autentiche, e che ogni mia testimonianza ed esperienza è verace. Francamente sono rimasto scioccato di questa sconvolgente verità! Sapresti darmi altre spiegazioni in merito? Casomai ti posso contattare su facebook? Fammi sapere, grazie.

    RispondiElimina
  2. Il mio consiglio è di non essere preoccupato; ma accorto certamente. Costatare che esiste una certa sfuggevole realtà, può inizialmente preoccupare, ma se questa realtà mirasse a danneggiarci, lo avrebbe già fatto a nostra insaputa. Se tu ti senti guidato ad osservare, sentire, capire questa realtà, è perché sei nella condizione di poterlo fare. Puoi scrivermi a: dario.giacoletto@vodafone.it per approfondire quanto hai esposto; oppure cercami su facebook. La mia immagine è una scacchiera. Ciao

    RispondiElimina