Presenze Aliene

martedì 19 gennaio 2016

News Gennaio 2016

News Valmalenco
Gennaio 2016


1

L’ufologia valtellinese sta raggiungendo un livello di manifestazione che non ha precedenti. Ultimamente, sono state molto più frequenti, persistenti, quasi a voler dare ad intendere che presto si presenteranno in piazza. Contemporaneamente, la gente ha messo da parte la paura, ha ora il coraggio di guardare, memorizzare, riferire, fotografare, ma soprattutto ha il coraggio di metterci la faccia, stufa di essere presa in giro dai mezzi d’informazione nazionale, compiacenti alla volontà di sistema! Nel post: http://presenze-aliene.blogspot.it/2016/01/ordinaria-ufologia.html ho pubblicato il materiale pervenutomi, relativo al giorno 12/1/2016. Occorre però dire che anche nei giorni precedenti e seguenti, la musica non è stata diversa. Vediamo cosa il giornale Centro Valle ha riportato il 16/1/2016:

2

Notevole la testimonianza di N.C. che ci mette la faccia e afferma, di aver annotato oltre duecento avvistamenti ufo in vallata negli ultimi due anni. Interessante anche la testimonianza resa da altro testimone, relativa al caso avvenuto il giorno 15/1/2016. Bruno P. 26 anni mentre scendeva dalla frazione di Primolo, notava una sagoma evanescente volare sopra la frazione Somparato di Chiesa in Valmalenco. Incuriosito si fermava, in via Quinto Alpini per guardare meglio l'oggetto volante e, avendo a portata di mano la macchina fotografica, scattava alcune foto all'UFO. Questa la sua dichiarazione: Il velivolo non pareva essere un drone, e neanche un altro mezzo volante convenzionale conosciuto. Era assolutamente silenzioso, evanescente, propagava dal suo interno una fioca luminescenza, pulsante e fosforescente. La dimensione presunta era quella di un nostro furgone, non di più. L'oggetto poi se ne andava verso Lanzada, ma non velocemente, risalendo la valle verso Campofranscia. Al momento dell’avvistamento,  il testimone era solo.
Poco dopo, il testimone, fermatosi al Bar, riscontrava che alcuni clienti del locale, parlavano degli ufo avvistati il giorno 12/1/2016 e, in particolare di quest'ultimo del giorno quindici che, a loro dire, sarebbe arrivato dalla Vallata di Chiareggio per poi sparire verso Campofranscia. La discussione scatenava nel locale, una accesa diatriba tra coloro i quali sostenevano di averli visti e, quelli che sostenevano che non era possibile la cosa, che insomma erano tutte balle da visionari. Il testimone a questo punto decideva quindi di non entrare in una discussione inutile, ma di rendere pubbliche le sue foto. Le foto uno e tre sono appunto due delle sue.

3

In seguito all’articolo del giornale e all’ultimo del presente blog, mi ha contattato un testimone oculare di questi eventi ufologici. Il messaggio dice:
Oggi infatti è apparso sul settimanale Centro Valle di Sondrio, l’articolo riferito a quei giorni in cui sono stati visti in diversi luoghi della vallata da molte persone. Sig. Dario complimenti, lei è aggiornato e sensibile al fenomeno di quella valle.  Io ero presente durante la conferenza che ha tenuto a Chiesa V.co e se comunque è stata interessante non ha compiutamente approfondito la cosa con il suo materiale.
Se la rifate, e spero di sì, la prego di portare il materiale del suo blog che e magnifico. Fate intervenire i testimoni in sala e le garantisco, che ora sono pronti a parlare. 
Una domanda impertinente e provocatoria: A cosa stiamo assistendo e, cosa può significare tutto questo? E’ possibile che dobbiamo cambiare il nostro modo di percepire la realtà e la nostra stessa esistenza su questo mondo?!
Grazie per il suo impegno. Saluti Graziani Antonio. 
Questo messaggio non si può ignorare, non certo per i complimenti che mi gratificano; e neanche per la proposta di nuova conferenza a Chiesa V., cosa che solamente gli organizzatori locali possono proporre. Presentare il materiale del blog e interagire col pubblico, significa impegnare una intera serata. Gli organizzatori preferiscono però avere più relatori a garanzia del fatto che anche di fronte ad imprevisti con i relatori, la serata si salva comunque. Occorre poi che gli organizzatori non pongano paletti di sorta, per compiacere il sistema. Passiamo però al contenuto delle sue domande, molto interessanti, in quanto aprono una nuova finestra sul panorama ufologico valtellinese.

4

A cosa stiamo assistendo e, cosa può significare tutto questo?
Prima di rispondere a questa domanda, rispondo alla seguente, in quanto la seconda genera i presupposti per rispondere alla prima. Ma siccome la sua prima domanda è (non lo è in realtà) impertinente e provocatoria; le rispondo con una prima battuta in modo altrettanto impertinente e provocatorio: “Stiamo assistendo al risultato dell’imbecillità umana!”. Non riferito ai valtellinesi, ma in generale all'umanità intera. A partire da me stesso.

E’ possibile che dobbiamo cambiare il nostro modo di percepire la realtà e la nostra stessa esistenza su questo mondo?!

Il punto è esattamente questo. Noi esseri umani siamo stati ingannati dalla scienza e dall’informazione, dalle istituzioni religiose e politiche, dal potere vero e dai suoi servitori collusi. Fin dalla nascita ci hanno imposto un concetto di realtà, che era unicamente finalizzato al parassitaggio strumentale degli esseri umani sottoposti. Più gli esseri sottoposti erano disinformati, fuorviati, paurosi e inconsapevoli ecc. meglio era ed è, per il potere. Tutto questo ha fuorviato completamente la visione che l’essere umano ha di se stesso e della realtà. Due sono i punti fondamentali che ci devono far riflettere; il concetto di realtà e il concetto di vita. Senza mai dimenticare la domanda: Qual è il senso dell’essere qui sulla terra ora? Quando si chiede agli esseri umani cosa sono la realtà e la vita, mediante le loro risposte si ha il quadro fedele della situazione. Ebbene sì è la risposta alla sua domanda, dobbiamo cambiare il nostro modo di percepire la realtà e di percepire la nostra stessa esistenza qui ora! Il vecchio concetto di realtà ci ha fatto credere (e credere è sempre un rischio) che noi esseri umani siamo quanto vediamo davanti ad un specchio, quanto crediamo di essere, quanto gli altri (che sono stati fuorviati come noi) ci dicono che siamo. Siamo diventati un gregge di manipolati, quando invece potenzialmente siamo ben altra cosa. Siamo degli esseri viventi, sì mortali nel corpo, ma immortali in quanto entità, anima o spirito! Siamo però stati ingannati anche mediante il concetto di morte! Disse un tale: “La morte è dei mortali, l’immortalità è degli immortali. Tra di loro, un invalicabile velo di nulla!”.

5

Ora però, rispondo alla prima domanda. Entità aliene (estranee al genere umano, come comunemente inteso) sono presenti sulla Terra e, per quanto ci riguarda ora, sono presenti in Valmalenco. Queste entità non hanno in dotazione un corpo biologico come il nostro, in quanto non stanno sperimentando il progetto di vita relativo alla biologia terrestre; ma posseggono altre alternative di manifestazione. In questo momento di particolare vicinanza loro, si stanno facendo vedere e ci stanno motivando, affinché l’essere umano riveda i vecchi concetti di realtà e di vita. Ovvio quindi, che il potere perverso non gradisce quanto sta avvenendo. In Valmalenco però, non sono solamente presenti le entità aliene che mirano a farci prendere coscienza, ci sono una infinità di varianti che non hanno interesse a contattarci, ma ci sono. Sono quelle tipologie, che stanno comunque al di fuori della percezione sensoriale umana. A tutto questo va poi aggiunta la possibilità che in Valtellina e Valmalenco, siano di tanto in tanto, presenti anche i nostri eroi terrestri con i loro mezzi volanti segreti, di ultima generazione. La Valmalenco pare essere diventata a questo punto, uno spazioporto internazionale. A questo stiamo assistendo; ma stiamo anche assistendo al perverso e morboso desiderio del potere terrestre, di continuare ad impedire che il gregge umano diventi semplicemente UMANO.

Il velo illusorio

Il velo illusorio che divide i mortali dagli immortali, esiste anche sul confine della percezione sensoriale umana, così come divide la dimensione materiale da quella immateriale. Quando l’essere umano si approssima a guardare oltre questo velo, oppure quando entità di oltre confine si approssimano a noi, entrano in gioco elementi nuovi, che possono sorprendere e destabilizzare il vecchio modo di pensare. Intanto entra in gioco una maggiore percezione intuitiva, circa la loro presenza; vi possono essere attimi in cui si perde il senso del tempo, oppure si cade in uno stato di particolare torpore da sogno, oppure in uno stato in cui pare che non  esiste più il rumore. Tutto l'ambiente diventa sordo e ovattato, pare di entrare in una fiaba del folklore popolare. Andando poi nella direzione delle entità, queste possono scegliere di farsi vedere da noi. Per loro è semplicissimo passare il confine ed entrare nel visibile umano. E’ ora necessario che gli umani, ma in particolare gli abitanti della Valmalenco in questo caso, prendano coscienza; quindi si rendano conto e imparino a riconoscere il momento in cui le entità sconfinano. Non è assolutamente pericoloso in quanto, se quelle entità avessero voluto creare danni alla popolazione, lo avrebbero potuto fare senza essere viste. Quando sconfinano, specialmente se lo fanno lentamente, siccome destabilizzano il velo che le occultava ai nostri occhi, vi è un attimo in cui la nostra vista perde certezza e cade in una sorta di miraggio. La persona può vedere le cose fisiche muoversi, esattamente come avviene nel deserto con i miraggi, oppure sull’asfalto caldo in estate, quando sembra che l’aria frigga o si muova. A questo punto l’ambiente è innaturale e perturbato, pertanto è opportuno che la persona si predisponga mentalmente all’approccio. Nel caso che intenda fotografarle, avrà unicamente da scattare foto. Scoprirà in seguito, se anche le entità non si sono fatte vedere agli occhi umani, che compaiono nelle fotografie scattate. Se invece lo ritengono opportuno, si faranno vedere ai vostri occhi e le fotograferete direttamente.

Morale della storia

Di fronte a segnalazioni pervenute, le quali mi informavano che testimoni oculari erano stati soggetti a quanto riportato sopra; non posso esimermi dal renderlo noto a tutti, affinché non si perda serenità. Non cambia nulla nella sostanza, il fatto che ora si vedono. Erano lì anche prima e, dormivate tranquilli. Cambia ovviamente a livello della vostra consapevolezza, il sapere che il vecchio concetto di realtà non regge più. E’ arrivato il momento di rivederlo, anche se i morbosi parrucconi del potere ancora cercheranno di ostacolare il cambiamento. Grazie agli autori del materiale esposto e, grazie al signor Graziani per aver aperto questa finestra; ma mi consenta, signor Graziani, quando lei ha posto le domande, già aveva le risposte, perché? Complimenti per aver fatto in modo che le risposte arrivassero a tutti.

PS: Scusate, dimenticavo! Tutte queste cose in Valmalenco avvengono o sono avvenute, mentre le mucche pascolava e il padrone vedeva e fotografava come in questo caso,  lo strano ufo che gli ronzava intorno!! Foto sotto. Ora però, speriamo che non lo vengano a sapere i servizi segreti di Stato e del Vaticano!! 







1 commento:

  1. Complimenti Dario per il lavoro che stai svolgendo!

    RispondiElimina