Presenze Aliene

venerdì 1 aprile 2016

OVNI su Cosenza

O.V.N.I. su Cosenza
Di Dario Giacoletto

Postate su Facebook, (Cosenza 2.0, F.S., G.D., M.A.) numerose segnalazioni relative ad avvistamento avvenuto il 30/3/2016 su Cosenza. Le immagini postate sono concordanti tra di loro, seppure di autori diversi, pertanto meritano considerazione. Si tratta di sei oggetti volanti che rilasciano una breve scia. Valutando superficialmente si potrebbe ipotizzare che si tratta di comune scia da condensa, generata da comuni aerei; ma appena si osserva con maggiore attenzione, i conti non tornano.
1
Negli ultimi tempi, non sono certamente una novità le insistenti e persistenti scie dette chimiche; così come non è una novità, il non vedere il mezzo che le genera. Certamente aerei mimetizzati, aerei non convenzionali, ma in questo caso, nessuna traccia di aereo. Tentando di individuare la causa, si ottiene di riscontrare delle similitudini con quelli che sono definiti ufo.
2
Il dibattito è aperto, quindi le ipotesi si sovrappongono numerose. La prima ipotesi è quella in base al quale si tratta di asteroidi o sciame meteoritico. La scarto immediatamente in quanto non è ipotizzabile che volino in formazione con procedere intelligente e mirato. Non regge neppure l’ipotesi che si tratta di frammenti aero spaziali in rientro nell’atmosfera, sempre per lo stesso motivo. Le immagini fanno vedere un volo regolare parallelo al suolo. Osservando le diverse foto, si riscontra che tra di loro, pur mantenendosi in una certa formazione, e sempre nel numero di sei, comunque hanno delle variazioni di velocità; questo elemento presuppone una intenzionalità ed una gestione della velocità; quindi presenza di intelligenza. Notare la differenza tra le diverse immagini sottostanti. Pertanto tutte le ipotesi legate a casualità sono a parere mio da escludersi. Questi OVNI, così intendevano volare e così hanno volato.
3
Anche la foto seguente, scattata da altra posizione, quindi con altra prospettiva, comunque dimostra quanto affermato. Ingrandendo ed eliminando luminosità, compaiono colorazioni che sono più tipiche degli ufo che non degli aerei, e riportano alla immagine due.
4
Alcuni testimoni hanno affermato di aver sentito un forte boato mentre passava la formazione. Non vi è però certezza o prova che si sia trattato di bang sonico, oppure che la cosa sia da porsi in relazione. Ipotizzare che sei caccia invisibili, generino contemporaneamente un unico bang sonico, è cosa ardua. Alcuni commentatori e alcuni testimoni, hanno affermato che si è trattato di aerei producenti scia di condensa. Attendo quindi da loro, che inviino le prove. Un testimone ha affermato di aver visto un caccia che sfrecciava, contemporaneamente al passaggio dei sei oggetti volanti non identificati. Forse questo è stato l’artefice del boato sonico.
5
Vedendo le foto pervenute da Cosenza, immediatamente il ricordo mi ha indirizzato alla sottostante foto scattata nel 2010 in Valmalenco. Stessa estetica, stesso andamento. In questo caso gli oggetti volanti sono certamente almeno otto, ma forse dieci. Nel caso che dovessero essere tecnologia nostra di aerei non convenzionali, adottanti particolari schermature per non essere individuati in quanto aerei, occorre dire che saremmo di fronte alla presenza di una aeronautica segreta in grado di possedere aerei avveniristici che già sono prodotti in serie! Ma allora una domanda: “Ma se intendono mantenere segreta questa nostra aviazione, perché allora concedere una manifestazione tanto palese?”. Pur considerando questa ipotesi, resto al momento ancora a sostenere quanto pubblicato allora in: http://presenze-aliene.blogspot.it/2014/07/ufo-e-scie-le-provedalla-valmalenco-di.html in cui sostengo che trattasi di ufo; in quanto nella occasione in cui fu scattata la foto sei, furono fotografati numerosi contemporanei ufo in zona. Si ringraziano gli autori delle foto.
6


PS: A post pubblicato, ho ricevuto alcune conferme di scie similari viste e fotografate, su tutto il territorio italiano. Dalla Puglia, zona Bari/Valenzano ho ricevuto da Maura Poti alcune foto, di cui due sono le sottostanti con ingrandimenti. Le foto sono di alcuni mesi fa, 4/11/2015, pertanto non sono relative al caso sopra segnalato; ma certamente propongono un aspetto che si va scoprendo su tutto il territorio italiano e non solo.

7
Scie che si formano senza alcun aereo visibile o fotografabile. Non sarebbe il caso che i rappresentanti del popolo, iniziassero a spiegare in modo convincente quanto sta avvenendo?

8







1 commento:

  1. Salve a tutti! Devo ringraziare innanzitutto Dario Giacoletto per la costanza, la serietà, l'apertura e la puntuale tenacia nel proporci accadimenti ufologici attuali e non solo le retrospettive di cui sono zeppe le più quotate (?) riviste di settore, piene di "sberluccicanti" UFO in 3d nazisti o meno a cui mancano soltanto le etichette pubblicitarie (grazie Photoshop che con questi finti "realismi" hai screditato ancora di più l'argomento ufologia!) Per la gioia del CICAP! A proposito avete notato che il nome CICAP sembra di una marca di cerottini pronti a mettere una pezza su tutto!). Adesso basta!
    Seguo questo blog da un pò segnalatomi anche da un parente della zona Brianza col quale scambiamo notizie ed altro in particolar modo sul fenomeno Valmalenco ed affini di cui la stampa tace...per non disturbare lo status quo che induce un profondo torpore nei mezzi d'informazione ed anche nei testimoni oculari, vedi Pizzo Scalino Agosto 2010. Bene per ora mi fermo ma mi riprometto di intervenire prossimamente. Gian Paolo

    RispondiElimina