Presenze Aliene

mercoledì 30 novembre 2016

Sapiente ignoranza

SAPIENTE IGNORANZA


Il presente articolo è tratto da un capitolo del libro “I fabbricanti di stupidi scaricabile gratis: I Fabbricanti di Stupidi (download gratuito) Libro ideato e scritto da Twma Fabio, non per dire alla massa che è stupida in senso dispregiativo, ma per far comprendere che è sottoposta ad una azione da parte del potere o dominio, che mira a renderla tale e, tale l’ha resa mediante l’attuale paradigma di sistema. Pertanto i fabbricanti di stupidi sono le persone, meglio l’associazione delinquenziale di stampo mafio/satanista, il quale da dietro le quinte ma neanche tanto, si è imposta al mondo. Trattasi del: http://presenze-aliene.blogspot.it/2016/11/nwo-nuovo-ordine-mondiale_36.html E’ necessario che la massa si renda conto di quanto è avvenuto, quanto sta avvenendo e quanto avverrà. Ignorare tutto questo significa essere degli incoscienti. Piangere dopo non serve e, non fa altro che confermare quanto detto. Complimenti all’autore e, a lui la parola:

Non lo sappiamo ma non siamo noi ad avere bisogno del potere, mentre è il potere ad avere assoluto bisogno dell'umanità. Senza, non sopravvivrebbe. Tuttavia, così come nasciamo, non gli andiamo molto bene. Ci deve allora modificare per adattarci alle sue esigenze e lo fa in molteplici modi. Poiché siamo sottoposti a trattamenti di adeguamento da sempre, muoviamo già i primi passi nel condizionamento che ci è trasmesso dalle persone transitate prima di noi, attraverso il percorso manipolatorio della cultura, dei media, della religione e degli altri innumerevoli meccanismi della nostra società. Pertanto, fin da bambini, tossiche influenze le assorbiamo proprio dall’ambiente familiare, e proprio questo, provvederà a esporci pure alla manipolazione della televisione, che è un mezzo attraverso il quale ogni forma di aberrante pensiero (compresi i messaggi subliminali) può essere diffuso in larga scala. E' uno strumento perfetto per produrre e farci accettare la MATRIX. Tuttavia, poiché dal dominio nulla è lasciato al caso, per trasformarci in materiale per esso maggiormente utile e sfruttabile, ci predispone con un'intensiva terapia "ignorantizzante" attraverso il dispositivo scolastico e culturale. Anche questo, sfrutta al massimo il periodo in cui l’essere umano ha la struttura di fertilissimo terreno, poiché è durante la crescita che i messaggi fasulli ottengono il più elevato effetto. Qualsiasi aberrazione data in nutrimento in giovane età, trova totale e incondizionato accoglimento. Nemmeno si deve parlare di lavaggio del cervello, giacché non c’è nulla da ripulire e solo da introdurre.

Don Miguel Ruiz dice: "Essere ricompensati ci fa sentire bene e continuiamo a fare ciò che gli altri vogliono che facciamo. Tra la paura di essere puniti e quella di non ricevere la ricompensa, cominciamo a fingere di essere ciò che non siamo, soltanto per accontentare gli altri, per essere "bravi" secondo i loro standard. Cerchiamo di compiacere mamma e papà, gli insegnanti, i sacerdoti e così cominciamo a recitare. Fingiamo di essere ciò che non siamo per paura di essere rifiutati. Questa paura si trasforma nella paura di non essere abbastanza bravi e alla fine diventiamo ciò che non siamo". Il fatto che il meccanismo scolastico ci bombardi con un nozionismo spropositato e degenere, senza fornire quanto realmente utile, prova che siamo sottoposti a un disegno ad ampio respiro per svilire l'essere umano a livello di consapevolezza. La scuola infatti, si può paragonare a un gas soporifero a lenta azione, che adagio addomesticherà i nostri cervelli, mettendoci nella condizione di accettare la demenzialità del nostro mondo, assimilare le panzane più assurde come vere, e quindi, piegare ogni guizzo di ribellione verso questa società fasulla e dello schifo. Insomma, il Sistema si adopera per renderci incapaci di creare e sviluppare le individuali potenzialità, fuori della ZONA di SUO UTILIZZO.


Carlo Ferrario: "L’INIZIAZIONE, per le tribù occidentali consiste nello strappare un ragazzo alla fantasia per introdurlo al conformismo". Di certo, rientrano nello schema "terapeutico" pure le discoteche, anch'esse create per accentuare lo stordimento, poiché sono il grande punto di contatto con il soffio marcio e velenoso della nostra società, la prova che chi è bello e ricco, gnocca e puttana, oppure forte e prepotente, ha il mondo ai suoi piedi, ha successo e vince. Si paga l'entrata per sentirsi sbattere in faccia la realtà decomposta del nostro mondo, per apprendere altri valori alienanti della grande jungla che infine accettiamo e facciamo nostri.

Ma stavo parlando di "cultura" …
Nel percorso di crescita, se non ci si perde e si hanno i soldi, si arriva a iscriversi all’università, tuttavia, poiché nulla ci è favorevole, men che meno serve a renderci dotti. Anche l'università serve a distoglierci dalla comprensione di ciò che sta accadendo, così che sia tutelato e rinnovato il meccanismo che ci schiavizza. Serve persino a produrre l'effetto presunzione, a farci credere di possedere cognizione, di saper distinguere il vero dal falso, di conoscere la realtà, di non essere turlupinabili …
Può essere che non siate d’accordo su ciò eppure, la medicina è la terza causa di morte al mondo, mentre la fisica raccontata dai libri è falsificata. Per esempio, ci ammaestrano dicendo che siamo separati dalle altre cose e persone, o che è la chimica a produrre i pensieri, quando Giordano Bruno insegnava: "Non è la materia che crea il pensiero ma il pensiero che crea la materia" … La politica prepara all'inganno, gli avvocati e i notai acquisiscono gli strumenti per sostenerlo. I bocconiani poi, secondo uno schema di giudizio classico, rappresentano un perfetto esempio d'intelligenza e cultura eppure, la loro conoscenza li rende socialmente devastanti. Il loro sapere serve a realizzare progetti malati, a ridurre l'essere umano a un dispositivo di guadagno secondo uno schema demenziale e disumano. La laurea fa sentire arrivati e d'avere una mente aperta e di essere colti ma lo crediamo, perché pensiamo che la cultura sia libera. Invece, non lo è. Dal momento che potrebbe creare risveglio, è stata frantumata e dispersa in milioni di libri … perché, il potere, vuole sfruttare e avere vantaggi solo per se. La facoltà credete di averla scelta voi? Nemmeno per sogno, per il GIOCO dell'inganno avete scelto secondo condizionamento, per essere perdenti; sempre …

G. Farquhar ci presentò la questione nel seguente modo: "Meno conosci, meglio obbedisci". La scuola si occupa di imbottirci di nozioni, per impedirci di acquisire "conoscenza". Di cosa ha bisogno il Potere, ce lo disse pure Osho (vedi link): "Se le persone sono sagge non possono essere sfruttate! Se sono intelligenti, non possono essere sottomesse!". Sostanzialmente, il Sistema ha bisogno di stupidi … poiché l'intelligenza è pericolosa: ha il difetto di non essere addomesticabile e mette nelle condizioni di concepire cose scomode, di vivere senza il potere, poiché di esso non sa che farsene.
A dimostrare che gli studi non aprono la mente, è pure un altro fatto: la maggioranza delle persone di cultura alle quali prospetto questa situazioni, esprimono meraviglia e tra i sorrisini ironici mi fanno capire che dovrei iniziare a farmi di roba più leggera. E' pertanto lampante … se realmente la "cultura" producesse apertura intellettiva e consapevolezza, questo libro nemmeno esisterebbe … Per l'appunto, cosa diceva Feuerbach? “L’uomo è ciò che mangia”. Ecco, non cambia per il nostro cervello: se lo si alimenta di stronzate, immaginate come possano essere i pensieri che ne derivano?
In rapporto con quanto detto, leggetevi attentamente il seguente pensiero di Osho, uno che dal Dominio è stato tolto dalle scatole perché pericoloso …: "Possediamo due emisferi: dal punto di vista tecnico quello sinistro è molto efficiente ma è privo di creatività. E' meccanico. E' l'emisfero della logica, della matematica, del ragionamento, dell'ordine, del calcolo, della disciplina, dell'astuzia. L'emisfero destro è l'opposto. E' l'emisfero del caos, non dell'ordine, della poesia, non della prosa, dell'amore, non della logica. Quando un bambino nasce il lato destro è attivo, il sinistro no. Poi cominciamo a impartirgli i primi insegnamenti, in modo ignorante. Nel corso dei secoli abbiamo imparato come spostare l'energia dell'emisfero destro al sinistro, come bloccare l'uno e fare funzionare l'altro. La scuola fa questo: dall'asilo all'università la cosiddetta istruzione non è altro che uno sforzo per distruggere l'emisfero destro". L'istruzione dunque, serve ad annientare quell'emisfero che ci condurrebbe a una visuale più vasta, armoniosa e propensa a un equilibrio universale, a un percorso gioioso e libero, come anche affermato dalla neuro anatomista Jill Bolte Taylor, nel libro La scoperta del giardino della vostra mente.
Pare davvero che su questo tema siano d'accordo in molti. Noam Chomsky: "La scuola premia la disciplina e l'obbedienza e punisce il pensiero indipendente. Se qualcuno prova a essere un po' innovativo, o un giorno si dimentica di andare a scuola perché sta leggendo un libro che lo interessa, allora commette un crimine perché invece di obbedire pensa". Il mondo dell'istruzione, come il resto, ci plasma per essere pedine di un congegno malato e deforme. È organizzato per trasformarci in automi o, che fondamentalmente è la stessa cosa, in rimbambiti; ci costruisce attorno tutte le schematizzazioni necessarie per prenderci nella rete, quindi, facendoci credere di essere bravi e intelligenti quando non opponiamo resistenza al lavaggio del cervello. Il programma di costruzione secondo schemi robotici dell'essere umano, tocca per questo i valori stessi attribuiti a cultura e intelletto. Non è un caso che siano sottilmente malati, che il Meccanismo ci sproni alle rigide facoltà razionali: fa parte di una strategia per farci perdere il contatto con una realtà sottile, traboccante di sfumature, per far prevalere le espressioni umane meno sensibili e intelligenti, al fine di accrescere una frequenza negativa. Lev Tolstoj: "Gli uomini di genio sono incapaci di studiare in gioventù perché sentono inconsciamente che bisogna imparare tutto in modo diverso da come lo impara la massa". E cosa espresse Albert Einstein? "L'unica cosa che interferisce con il mio apprendimento, è la mia istruzione". E disse pure: "La logica vi porterà da A a B. L’immaginazione vi porterà dappertutto". Forse è ora più chiaro perché il Sistema si sia attrezzato per ucciderla?

Il vocabolo ISTRUZIONE manca solo della D davanti per dirci cos'è realmente. Infatti, con L'AMMAESTRAMENTO ERIGIAMO MURI TRA NOI E L'ANIMA E PERDIAMO LA CONNESSIONE CON IL NOSTRO IO PROFONDO. Distruggiamo la nostra essenza. Anche Gioia Panozzo nel suo libro "Il guaritore interno", ci fa presente che a impedire il dialogo con la nostra intelligenza superiore, è la mente analitica, zeppa di schematismi, dogmi, vecchi concetti, ideologie unilaterali. Il motivo è quello continuamente evidenziato ma nel caso abbiate ancora dei dubbi, ponetevi una domanda: quanto vi hanno preparato i corsi di studio al fine di acquisire consapevolezza della vostra realtà divina e dei vostri poteri, al fine di vincere ogni conflitto, al fine di esprimere pienamente il vostro LIBERO ARBITRIO, al fine di creare tutt'attorno a voi un mondo armonioso, al fine di apprendere i segreti per vivere leggeri e sereni, per gioire della vita, e rendervi degli esseri umani felici? Sapete? Dovrebbero essere questi rudimenti ad avervi impegnato maggiormente, invece, se queste voci nemmeno sono materia d'insegnamento, è perché il potere non desidera uomini gioiosi ma pezzi a incastro, persone cui succhiare energie e risorse, e utili a far funzionare un mondo privo di anima, offensivo per l’essere umano. Potrete verificare l'esattezza di ciò, anche guardandovi attorno: vedete quanti razionali colmi di canonica cultura e intelligenza, usciti a massimi voti dalle università, sono a guida delle nostre vite?
Sono i politici, i direttori di aziende e banche, coloro che elaborano le previsioni per il futuro, gli alti prelati e coloro che ci insegnano a vivere. I nostri paesi sono trainati e governanti da persone che reputiamo all’altezza dei compiti perché conformemente preparate. Eppure stiamo andando verso la rovina, perché, SONO STATI CREATI PER ESSERE DEGLI SQUALLIDI MEDIOCRI! L'istruzione, è uno strumento del dominio per alimentare e difendere se stesso, poiché, come ci ricordò Stephen Biko: "L'arma più potente nelle mani di un oppressore è la mente degli oppressi". Quindi, quel foglio di carta con la firma del Magnifico Rettore, l’enfasi con la quale è consegnato, e ancor prima le fatiche sostenute per ottenerlo, sono parte della messinscena per servirci alla perfezione l'inganno.
E dopo tanto studio e fatica? Eccoci pronti a dare il nostro contributo alla società con tutte le nostre energie … ma nemmeno ciò avviene automaticamente e molti iniziano la via crucis per trovare un impiego. Chi ha fortuna (…???), s'inserisce in un meccanismo alienante in cui il PROFITTO DELL’AZIENDA diventa PADRONE ASSOLUTO DELLA VITA, non solo lavorativa. Tuttavia, gonfi di soddisfazione, siamo finalmente ingranaggi e motori di quella grande macchina che s'impossessa di un'altra fetta della nostra anima. Infine diventiamo esempio di efficiente sottomissione, di robotizzazione, e pescando ad ampie mani nell'addestramento, ci impegniamo nel nostro ruolo di promotori e manutentori dello stato di delirio … Molti si ritroveranno gomito a gomito con altri disgraziati, e li, pigiati nel traffico urbano, passeranno una fetta di vita. Allora, per rendere sostenibile l’alienazione, l’auto dovrà essere confortevole come un salotto, e comunque appagare l'Ego, e mostrare vistosamente l'appartenenza a una certa classe sociale, come impone l'emisfero sinistro del cervello. Crediamo di poter sfruttare il Sistema ma è sempre esso a sfruttare noi. Anche facendoci gonfiare d'orgoglio per un giocattolo che presto, le regole del mercato trasformeranno in ferro vecchio. Oramai i nostri valori sono guastati dalle sevizie ricevute, seguiamo la golosità: rincorriamo gli oggetti del desiderio secondo gli schemi dell'apparato di Dominio. Ma per averli dobbiamo guadagnare tanti soldi, che impongono più ore di lavoro, o più dedizione e comunque più schiavitù. E ci chiediamo come mai le droghe siano d'uso tanto comune? Tutto ciò, almeno servisse a svegliare la gente ma raramente accade. Dopo l'allenamento a mentire primariamente a se stessi, anziché muovere verso la consapevolezza, più facilmente ci si attaccherà con disperazione a quelle quattro illusioni confuse per conoscenza; guidati dal condizionamento, si escogiteranno soluzioni, utili a perpetuare la follia e la violenza su se stessi.



Nessun commento:

Posta un commento