Presenze Aliene

giovedì 20 novembre 2014

Foto di Manuel Chiementin

Le foto di:
Manuel Chiementin
di Dario Giacoletto

Manuel Chiementin, ricercatore valdostano nel mondo dell’insolito, dell’ufologia e della fotografia, in quanto lettore del presente blog, mi ha inviato le seguenti foto di notevole interesse, specialmente quelle relative a scie apparentemente, non prodotte da aerei. Ricordo che questo argomento è stato ampiamente approfondito in:
http://presenze-aliene.blogspot.it/2012/11/ufo-aerei-e-invisibilita.html nel quale invitavo ad osservare cielo, aerei e scie con attenzione. Le foto sottostanti con gli ingrandimenti, sono così proposte con intento estetico migliorativo. Vediamo alcune foto inviate:


Foto 1: (P1000382) 19/8/2014 Ore 12,53’,15’’. Il cielo è quello sovrastante Aosta. La fotocamera, una Panasonic Lumix DMC LZ 40. Anche ingrandendo e contrastando maggiormente, non vi è traccia di aereo. Al limite, si può ipotizzarne una vaga ombra.

1

Foto 2: (P1000383) Scattata il 19/8/2014 Ore 13,24’,49’’. Come si può vedere, qui proprio l’aereo non è visibile. Se di aereo invisibile si tratta, questo lo è totalmente e come espresso più volte, non si comprende per quale motivo servirsi di aerei tanto invisibili, che manifestano scie tanto visibili. Questo dilemma è però ampiamente spiegato nei post indicati.

2

Foto3: (P1000414) 24/8/2014 Ore 17,14’,12’’ Cinque giorni dopo, Manuel nota nuovamente la presenza di scie senza aereo visibile, quindi fotografa. Occorre dire che la presenza di scie prodotte da aerei (se di aerei si tratta) invisibili, è un fenomeno che si presenta ad ondate, a differenza delle scie chimiche e non, che sono più o meno costanti.

3

Foto 4: (P1000415) 24/8/2014 Ore 17,14’,19’’ Come si può ben vedere, la foto è stata scattata pochi secondi dopo la tre, ora siamo davanti a una nuvola. Pertanto si deduce che, il presunto aereo, seppure alto e lontano, è chiaramente al di sotto della nuvola e, la nitidezza della scia, fa chiaramente ipotizzare una distanza non eccessiva. Ciò nonostante, l’aereo non si vede. Se di aereo si tratta, sarebbe opportuno che fosse confermato con adeguate prove, considerato che questo aereo sarebbe più invisibile degli stealth!..

4

Foto 5: L'ingrandimento della foto quattro, fornisce la vaga sensazione della presenza di un aereo. In internet, da un po' di tempo, si parla di aerei fantasma e di aerei virtuali, come nel sottostante video, dove l'aereo compare vagamente, ma disposto su piano errato e pertanto indice di forte anomalia. https://www.youtube.com/watch?v=uA5QKPPEuQY Stesso dubbio sorge per le foto di Manuel.

5

Foto 6: (P1000416) 24/8/2014 ore 17,14’,29’’ La scia presente è la stessa della foto tre e quattro e, l’intento è di riprendere l’anomalia di questa. Sconcerta il fatto che la scia manifesta una curva non tipica degli aerei di linea. Chi intendesse obiettare che potrebbe essere stata generata da una corrente d’aria presente in quel luogo, faccio notare che, fatta la curva, la scia riprende perfettamente dritta.

6

Foto 7: ( 1000417) 24/8/2014 ore 17/14’/47’’ Peccato che le due seguenti foto, non siano state centrate e dovere; forse avrebbero potuto dire qualcosa di più. Osservando le foto originali, di primo acchito si potrebbe ipotizzare che ciò che si vede tra le due scie sia  la parte posteriore dell’aereo, ma appena si osserva meglio o si fa l’ingrandimento con maggiore contrasto; si evidenzia che trattasi di altro.

7

Foto 8: (1000419) 24/8/2014 ore 17,15’,40’’  Trattasi di altro ma di cosa?.. Ecco perché si fa strada l'ipotesi della proiezione olografica e quindi di realtà virtuale.

8

Foto 9: (1000420) 24/8/2014 ore 17,16’,08’’. Sono presenti riverberi da controluce; ma ciò che conta è che la scia si è mantenuta diritta durante gli ultimi minuti, pertanto non vi erano turbolenze e forti correnti all’altezza della scia. Altra cosa interessante, la presenza di altra scia prodotta in precedenza, ad altezza superiore. Se le scie con curvatura sono prodotte dalle correnti d’aria, allora perché la seconda presenta una curvatura non in coerenza con la prima?.. Perché si vede, anche se labile, una terza scia che presenta curvatura opposta alla seconda?.. Ciò fa pendere la valutazione nella direzione di scie prodotte da mezzi non di  linea che hanno loro stessi curvato.

9

Foto 10: (P1000445) Scattata 25/8/2014 ore 07,49’,27’’ da Pila, Aosta. Manuel, avendo notato le anomalie, anche il giorno dopo osserva il cielo e riprende. Che vi siano in circolazione grossi aerei, apparentemente di linea che manifestano una notevole mimetizzazione con l’ambiente, è cosa certa. Forse i tipi di vernice, o la colorazione di tipo ambientale; il fatto è che riprendere un aereo in questo modo, genera qualche sospetto.

10

Foto 11: Foto d'archivio. Si vede come dovrebbe essere ripreso un aereo di linea ad alta quota, con fotocamera amatoriale di discreto  livello. Si potrebbe obiettare che in questo caso il cielo è più limpido; ma non mi pare che possa bastare a spiegare la differenza.

11

Foto 12: Come ampiamente dibattuto nei post citati, ciò che sconcerta è il perché utilizzare aerei mimetizzati per produrre scie  tanto palesemente evidenti. Per rendersene conto, ora consideriamo la foto di Claudia Flore dalla Sardegna, similare a quelle famose di Terralba. Queste scie senza aereo, si stanno manifestando sempre più frequentemente. Ciò è dovuto al fatto che la gente osserva con maggiore attenzione, oppure siamo di fronte ad un fenomeno emergente?

12

Ingrandendo e contrastando la parte interessata, sorgono anomalie che sono tipiche della presenza aliena e non, della tecnologica umana. Quindi si tratterebbe di entità aliene, le quali produrrebbero scie evidenti, ma non chimiche, con l'ipotetico intento di turbare gli apparati militari e di potere terrestri, autori delle scie di irrorazione chimica. Ipotizzare che anche gli alieni irrorano chimicamente l'ambiente, come i terrestri, sposterebbe la comprensione, oltre l'immaginabile. Gli apparati, nel tentativo di non far comprendere che si tratta di ufo, avrebbero quindi deciso di far produrre scie ad aerei mimetizzati, nel tentativo di ingarbugliare la matassa. Ricordo che le scie prodotte da ufo, si possono distinguere in due gruppi. Quello dove la fonte della scia si trova in punta alla scia e all’interno di essa, e pertanto non si scorge la fonte della scia e, l’altro caso dove l’ufo precede di poco la scia. Benché vi siano ancora altre foto relative alle scie, termina la serie delle foto di Manuel relative a queste, in quanto non aggiungerebbero altre informazioni utili. Passiamo ad altro genere di foto:

Foto 13: Sono una serie di quattro fotografie. Non presento la prima, che nulla di particolare evidenzia. Siamo nella zona di Aosta e Manuel, prova a fare qualche foto al buio. Nella seconda (sottostante), compare ina luminosità bianca, nulla di eccezionale dal punto di vista estetico, ma ingrandendo, la foto presenta una strana anomalia. Compare una zona quadrata intorno alla fonte luminosa.

13

L’elaborazione fotografica 14 conferma, siamo di fronte a una zona ben definita e squadrata. Di che cosa si tratti, non è possibile dirlo; ma se dovessi ipotizzare una spiegazione, azzarderei la seguente: La luminosità maggiore, quella bianca, è un essere di luce costituito da un insieme di entità (sfere/bianche). Il quadrato esterno all’essere di luce, è ancora costituito da entità sfere/bianche di minore luminosità, in rapido movimento e discostate dal nucleo centrale (ecco perché le forme variamente allungate), disposte in formazione quadrata. Si necessita quindi di indirizzare l’attenzione ad eventuali altre manifestazioni del genere, per meglio definire la fenomenologia. La foto 13 pertanto, è di notevole interesse.

14
Foto 15: Non compare più la luminosità della foto tredici, ma qualcosa di strano e non definibile. Una figura velata, fumosa, vaga, sul genere dei fantasmi. Al momento dello scatto, nulla era stato notato.

15

Foto 16: Quella strana presenza che iniziava a comparire nella quindici, qui si è sviluppata in un qualcosa di decisamente più spettacolare e interessante. Viste queste foto, la prima cosa che ho chiesto a Manuel, è se in quel momento stava fumando, in quanto il fumo potrebbe produrre effetti similari; ma mi ha risposto di no. Ho chiesto se per caso la temperatura era bassa al punto da rendere visibile il respiro; ma mi ha risposto di no.

16

Foto 17: Facendo l’ingrandimento ed aumentando il contrasto (foto sotto), aumenta lo sconcerto. Si potrebbe ancora ipotizzare che si tratti di gas pesante che sta salendo lentamente dal suolo; ma prove non ve ne sarebbero. Per giunta, rispetto alla foto 15, la presenza è scesa. Certamente la foto è interessante e da tenere presente per eventuali comparazioni future. Ipotizzare eventuale presenza di entità, non sarebbe corretto, in quanto non vi sarebbe prova certa e, potrebbe anche far accapponare la pelle!.. Importante il fatto che la figura è andata sviluppandosi dal punto appena luminoso della foto 15. 

17

Foto 18: Altra serie di foto, del quale ne propongo due.  Vi sono numerosi orbs piuttosto evanescenti e una presenza luminosa costante. Anche in questo caso, come per la foto 13, attorno alla luminosità, compare un campo fortemente perturbato.

18

Foto 19: Foto scattata subito dopo la 18. La luminosità cambia forma e, attorno al nucleo centrale, paiono esservi sfere/bianche. Il campo attorno diminuisce lo stato di perturbazione, o almeno così pare.

19

Foto 20: Indubbiamente di qualcosa si tratta; ma stabilire se di ufo o di rods è cosa ardua. Spesso i rods si presentano in forma che richiamano ufo o dischi volanti; ma nulla hanno a che fare. Va poi considerato il fatto che il rapido movimento allunga le figure.


20

Foto 21: Anche in questo caso, vale quanto detto per la foto n.20. Troppo pochi gli indizi, per poter trarre delle conclusioni soddisfacenti.

21

Foto 22: Altra situazione, siamo a Pila presso Aosta, nella serata del  21/8/2014. Manuel vede una luce nel cielo, si presenta anomala, di quelle che solitamente vengono definite ufo. Una sfera di luce, bianca che tranquillamente viaggia nel cielo notturno. Manuel decide di filmarla. La sintesi del filmato è reperibile in: http://presenze-aliene.blogspot.it/2014/08/2014-ufo-su-torino-caselle.html del quale la sottostante immagine, è una estrapolazione.

22

Foto 23: Difficile è stabilire se si tratta di tipico orbs, oppure di ufo in quanto oggetto. Sarebbero necessarie altre foto per definirne la metamorfosi. Certamente è spettacolare.

23

Ringrazio Manuel Chiementin per l’invio del materiale da lui prodotto, che pone a disposizione di tutti i lettori per fini di ricerca.

PS: Dopo aver postato l'articolo, ho ricevuto da Manuel una precisazione e relativa fotografia. Tra la fotografia presentata col n.13 e la 15; era stato fatto un altro scatto del quale io non disponevo. La foto è interessante, pertanto la inserisco.

24




































domenica 2 novembre 2014

Terra:pianeta carcere

TERRA: pianeta carcere

Di Dario Giacoletto


Se  nasci libero, e poi vieni incarcerato, immediatamente te ne rendi conto. Se nasci in un carcere e, questo è tutto il mondo o la tua dimensione che vivi o percepisci, il carcere non sarà facilmente riconoscibile, perché tutto questo sarà la normalità. Il carceriere, per alcuni incarcerati bigotti, sarà un dio in terra!.. colui che dispone della tua vita e della tua morte.


Se vuoi incarcerare un’anima libera, prima devi riuscire ad incarcerarla in un illusorio corpo fisico che la imprigioni in se stessa; dopodiché la circuirai con forme illusive che la allontanano dalla verità!.. Le farai credere di essere stata creata da un dio benevolo, o dall’evoluzione della materia. L’importante, è che ella non esca dal suo stato di pazzia e, resti in carcere!..

Aspetti umani che incarcerano.

·         Nascita: Appena sei nato a questo mondo, il primo gesto spontaneo tuo, è stato un bel pianto!.. con affanno hai iniziato a respirare. Immediatamente ti sei accorto che possiedi un importante buco superiore, detto bocca, in cui inserirai materiale per poter vivere; e un buco inferiore dal quale uscirà il puzzolente inutilizzato. Nel reparto dove ti trovi, già si parla del fatto che nascendo, tu hai un debito con lo stato. Non lo hai voluto tu, ma incomincia a pensare a come pagarlo!..
·         La fisicità: Essendo il mio essere ingabbiato in un corpo materiale con certe caratteristiche; io subisco il condizionamento di tutte quelle caratteristiche. Subisco quindi la forma estetica (bello, brutto, condiviso o meno, alto o basso). Subisco la delicatezza di un corpo biologico, in continua trasformazione e soggetto a tutte le variazioni ambientali e temporali.
·         La sessualità: Ad un’alta percentuale di persone, non soddisfa l’essere maschio o femmina, lo dimostrano i tentativi di cambiare sesso. L’essere, nella sua essenza, si rende conto di non essere a suo agio con quel sesso (mettiamo da parte quelli che vogliono manifestare l’altro sesso, per fini mercenari di interesse) quindi si illude che l’altro sesso lo soddisferà. Altra illusione, altra forma di carcere.
·         L’energia: L’essere mano vive la propria manifestazione mediante l’utilizzo di energia. La consuma e quindi rinnova continuamente, mediante il respiro, il sonno, il cibo e, forse mediante assimilazione o assorbimento diretto. La necessità costante di approvvigionarci di energia, ci costringe a predare le altre forme di vita inferiori a noi, quali fonti di sostentamento. (http://presenze-aliene.blogspot.com/2010/11/parassitati-e-parassitanti.html )e ad avere la costante preoccupazione della salute. E’ macabra l’idea, che un dio giusto mi abbia posto nella condizione, di dovermi cibare della morte altrui!.. Certo, posso escludere la carne; ma sarò comunque costretto a parassitare le altre forme viventi.
·         Il respiro: Per vivere e sostentarmi, devo respirare aria, di essa sono schiavo dipendente. Se un giorno arriveremo a fare i conti con un monopolio mafioso e totale di questa, io sarò schiavo incondizionato. Intanto devo fare i conti con l’inquinamento voluto e imposto, oltre che conseguenziale. Devo assistere alle periodiche irrorazioni chimiche, del quale tutte le autorità sanno e tacciono. Intanto, per colpa di questo, aumentano tumori, cancro, infiammazioni ecc.. questi problemi di salute, incarcerano.
·         La sofferenza: E’ questo uno degli aspetti più inquietanti della vita. Osservando le atroci sofferenze  di parte del genere umano, ci si trova costretti a chiederci, qual è il senso di tutto questo, pur riconoscendo che il dolore svolge anche un ruolo a noi utile. Ci avverte di un pericolo.
·         La paura: Anche la paura, ci può avvertire di un pericolo; ma non sempre lo fa. Per giunta, il pericolo può essere immaginario e quindi la paura trionfa inutilmente. Il potere, la utilizza in molti modi, come arma di manipolazione, mediante terrorismo e antiterrorismo. Nella nostra mente produce un effetto destabilizzante e limitativo.
·         La morte: Una delle cause di maggiore paura, è quella relativa alla propria morte. Eppure l’unica certezza del quale l’essere umano dispone, dopo l’avvenuta nascita; è che un giorno dovrà morire. La morte dal punto di vista scientifico; è la fine dell’esistenza. Dal punto di vista fideistico e religioso; è un trapasso ad altra dimensione esistenziale. Forse questa è la verità; ma non è scientificamente provata, pertanto resta un mistero. http://presenze-aliene.blogspot.it/2011/11/la-morte.html
·         I nemici: Che si possa avere dei nemici umani è noto; ma che mi debba anche difendere dai virus, batteri, tenia ecc.. oltre che dagli animali velenosi o dai grossi predatori, mi genera fastidio. Resta da definire, come considerare eventuali entità superiori a noi. Ho sentito parlare di adduzioni e di rapimenti. Non mi sento libero.
·         La salute: In base alla  condizione energetica e genetica, l’essere umano manifesta il suo stato di salute continuamente instabile e alla mercé delle condizioni ambientali e, dal potere che ci sovrasta. Sempre di più si parla di nuove malattie, quali strumenti di coercizione della massa.
·         Il tempo: Il tempo passa e, non lo raggiungi più. Questo aspetto, forse è illusorio; ma certamente ci condiziona durante tutta la vita. Se l’essere umano avesse coscienza d’essere eterno; il tempo per lui, non esisterebbe. Il tempo comunque, svolge un ruolo interessante ed è legato ad ogni manifestazione materiale. Il fatto però, che la vita sia una parentesi nel tempo, non mi offre  garanzie. Ancora di meno ne posso avere dall’idea che in passato vi fu un periodo d’oro e che in futuro esisterà il paradiso o la soluzione a tutto, mentre il presente è eternamente desolante.
·         La Terra: Si nasce, vive e si muore su questo pianeta. Io vorrei poter spaziare in tutto l’universo, ma mi è precluso. Mi sento in un carcere. Anche un volatile mi è superiore. Per giunta, questo pianeta è estremamente instabile, quindi soggetto a cataclismi che, possono anche essere intenzionalmente indotti quale arma terroristica coercitiva.
·         La luce: Se non esistesse la luce, io non potrei vivere. Devo ringraziare il sole, ma poi devo anche trovare il modo di utilizzare l’energia elettrica per allungare il giorno a scapito della notte, oltre a rendere visibile ciò che la luce del sole non illumina.
·         La temperatura: Il mio corpo vive ad una temperatura ideale, al limite, dentro valori accettabili. Oltre queste temperature non posso vivere. Sono prigioniero di questi valori.
·         La dimensione: Per dimensione intendo, la mia manifestazione di vita entro una ristretta frequenza, che mi limita rispetto alle frequenze inferiori e superiori. Anche la mia percezione sensoriale è limitata a questa banda di percezione. Mi sento prigioniero.
·         Procreazione: L’essere umano si genera per procreazione di coppia. Ciò genera tutta una serie di problematiche di coppia. In base alla scienza, la vita sulla Terra si è manifestata per  graduale auto generazione dalla materia, il che presuppone che la materia possiede l’intelligenza, oppure è stata generata per pamspermia. In base a religioni e miti circolanti, l’uomo sarebbe stato creato da dio. Nel paradiso terrestre l’essere umano veniva generato da dio, ma poi soffriva di solitudine (!?.. sarebbe bastato essere tutti ermafroditi o gay e, il problema sarebbe stato risolto. Oppure sarebbe bastato, non creare l’uomo con l’appetito sessuale!. Strano questo dio..) quindi creò la donna. La donna però, non avrebbe dovuto scoprire il frutto del sesso, quindi quando lo fece generò la maledizione, il peccato. Partorì quindi con grande dolore!. Proviamo a leggere diversamente  i fatti. In un posto sulla Terra, era stato impiantato, da entità aliene o divine, un laboratorio di genetica detto “Paradiso terrestre”. Qui gli esseri umani (prodotto di ibridazione umano/aliena) erano generati o clonati. Costoro però, vollero conoscere il sapore della sessualità e della procreazione. Da quel momento, la donna generata in laboratorio, partorì con dolore. Per le altre, non cambiò nulla.
Si potrebbero elencare altri aspetti che ci incarcerano; ma ciò che intendo sostenere, è che la condizione umana è limitativa e condizionante, pertanto in quei limiti ci incarcera. Come se però non bastasse, ci incarcerano tutte quelle scelta operate per autodeterminazione del genere umano, che mirano a sostenere la finalità del potere che ci sovrasta e che si impone a noi mediante quello che possiamo chiamare “Il sistema”. Ovvero, il sistema impostoci dal potere che controlla il mondo. Alcuni esempi:


·         La giustizia: Sulla terra non esiste la giustizia, ciò che esiste è giustizia ingiusta. Si dice che la legge è uguale per tutti; ma ciò non garantisce che sia giusta e per di più, la sua applicazione non è uguale per tutti. Per i nemici si applica, per gli amici, si interpreta. Significa che questa situazione è responsabilità del genere umano?.. Certamente si, ma del genere umano che esercita il potere, non certamente di chi lo subisce!.. Nonostante ciò, chi esercita il potere, mediante l’informazione, continua ad affermare che quanto esercita lui, è espressione della volontà del popolo. Ti sta ingannando!.. il responsabile è lui, lui è il carceriere e tu, onesto del popolo, sei l’incarcerato. Ti viene democraticamente concesso di votare e scegliere; ma tu sceglierai tra le possibilità che il potere ha stabilito. Non ci sarà il rappresentante degli onesti, se non formalmente interpretato da attori al soldo del potere. Un semplice avvocato d’ufficio, il quale spera che tu venga in fretta condannato, così ti levi dai maroni!..


·         Il denaro: Se il denaro fosse esclusivamente il mezzo convenuto dalla società per rendere favorevole lo scambio dei beni necessari; sarebbe una grande invenzione di grande utilità. Se invece il denaro è il mezzo mediante il quale il sistema che lo gestisce, impone all’umanità un gioco speculativo e perverso, mirante a parassitare e dissanguare il popolo a suo vantaggio; allora il denaro è come una droga e, produrrà assuefazione e demenza generale. Gli onesti si sentiranno prigionieri e schiavi del denaro.
·         La droga: Il denaro è una illusione, ma la droga lo è ancora di più. Per questo motivo il potere perverso che ha imposto l’utilizzo scorretto del denaro, ha imposto nel mondo, anche la droga e l’alcool. Più l’essere umano è circuito e manipolato, più è disponibile all’accettazione del ruolo di incarcerato, e meno se  ne rende conto!..
·         Il lavoro: Una volontà superiore ha monopolizzato il mondo del lavoro, esattamente come il denaro, la droga, l’economia, il pensiero circolante ecc.. al lavoratore prigioniero non è rimasto che iscriversi a quel sindacato, pur portando tessere di altri sindacati. Sono rimasti liberi, scampoli del mondo del lavoro, unicamente a basso livello. Questo per l’illusione generale, per l’aspetto formale e, perché ancora il monopolio non ci è arrivato.
·      Il linguaggio: Per quale motivo logico, un pianeta che si definisce civile, per comunicare informazioni d’interesse collettivo, deve continuare ad utilizzare una babele di lingue? Perché ancora dobbiamo subire l’antica e biblica imposizione divina? Non ditemi, che è per salvaguardare e mantenere i costumi locali!.. Valgono questi, l’incomprensione tra i popoli? Oppure il fine è altro?
·         Le guerre: Per un ipotetico futuro di pace, o per mantenere l’ipotetica pace esistente, stranamente l’umanità è sempre stata in guerra. Pare una maledizione, oppure la volontà di una perversa mano superiore. Mi pare di ricordare che nella mitologia greca, i guerrieri erano invitati ad impegnarsi maggiormente per raggiungere l’onorata morte, per compiacere gli dei!.. praticamente la carne umana era un’offerta sacrificale a loro!.. E se le guerre oggi, fossero un’offerta sacrificale occulta di un’umanità considerata letame? Vedere: (http://presenze-aliene.blogspot.it/2011/06/la-campana-maria-dolens.html
Fino a questo punto dell’articolo, si è evidenziato il fatto che, vuoi per condizione umana naturale (resta da definire cosa significa realmente) o vuoi per scelta umana; l’essere umano si trova in una condizione di forte limitazione rispetto al veramente libero essere. A mio pare può quindi legittimamente affermare, “Questa vita mi sta stretta, perché mi incarcera”.

Teoria della: Terra carcere correttivo.

Esiste un filone di pensatori, i quali sostengono che la Terra è un carcere viaggiante, in cui sono stati inviati gli esseri (o anime) reclusi, che devono essere corretti. Quindi si tratterebbe di un pianeta utilizzato per costringere i reclusi (anime) ad acquisire uno stato di coscienza atto a legittimare loro, di ottenere la libertà. Questa teoria quindi, inculca l’idea di una giustizia superiore, che utilizza anche aspetti che noi umani interpretiamo come male, per un superiore fine di bene. 

Osservazioni alla teoria:

Se vengo condannato per una colpa, ma mi viene impedito di ricordare il mio errore; a cosa serve l’espiazione?.. Se l’obiettivo è la correzione, perché non mirare a questo obiettivo e non alla punizione?.. Se sono condannato ad espiare su un pianeta carcere, come potrò  rimediare i danni che in precedenza ho commesso? Qualcuno sostiene che l’obiettivo è capire; ma allora, perché tutto su questo pianeta, concerta per l’impedimento alla presa di coscienza http://presenze-aliene.blogspot.it/2014/10/la-verita.html  ma per l’affermazione della cultura che, altro non è, che quanto stabilito dal potere? Dopo che gli esseri umani si sono dovuti difendere dall’accusa di essere portatori sin dalla nascita, del peccato originale generato dai padri ( non si sa bene, come e senza alcuna prova concreta) ora si dovrebbe difendere da una ipotetica colpa generata ancora più a monte? 



A mio parere, siamo sì in un carcere; ma un carcere che altro non è che un allevamento intensivo di carne (ovvero energia) da macello. Possiamo scegliere se essere considerati polli, pecore o maiali; non cambia la realtà di fondo. Siamo produttori di energia, esattamente come propone il film Matrix. Per di più, assistiamo oggi al desiderio del potere, mediante la scienza, di arrivare a generare a piacere esseri umani o semi umani in laboratorio. Non per l’interesse dell’umanità; ma nella speranza di creare esseri a più basso costo e, a più alto rendimento. Esattamente come è avvenuto in passato, ma anche nel presente, mediante l’interferenza  e l’elaborazione genetica aliena. Questo è il motivo base per cui le autorità non intendono ammettere la presenza loro. Il potere vuole goym ovvero umanità bestiame, per realizzare il loro progetto di eletti. Vogliono avere soldati ed agenti segreti, completamente senza morale ed etica, sacrificabili e senza reazione. Senza spiritualità e disposti a tutto per un tozzo di pane. A quelli che ancora avranno un briciolo di spiritualità, gli verrà detto che se vogliono andare in paradiso devono accettare la situazione vigente, che tutto è per il loro bene come da volontà divina. L’importante è che non reagiscano o evadano.


Teoria: Terra carcere di anime.

Dal film Matrix: “Ho visto umanità che non nascono libere; ma sono coltivate..” Non intendo affermare che Matrix sostenga il vero. Intendo riscontrare se quanto sostiene Matrix è riscontrabile nella realtà umana. In base a questa logica, la posta in gioco è l’energia. Gli esseri umani sarebbero delle fonti energetiche, così come lo sono le forme animali o vegetali del quale l’uomo, regolarmente si ciba. Vedere: http://presenze-aliene.blogspot.com/2010/11/parassitati-e-parassitanti.html In base a questa ipotesi, l’essere umano si trova in questa condizione, non in quanto l’uomo nasce e poi è incarcerato; ma in quanto sulla Terra si manifesta un’anima già prigioniera a monte. Questa logica, emerge anche dalla ricerca svolta da ricercatori che utilizzano la regressione ipnotica per sondare il profondo degli esseri umani.  Si potrebbe citare il lavoro di Malanga ed il libro “Alieni o demoni”; oppure di altri numerosi ricercatori. Questa ipotesi è però anche sostenuta, da pensatori che semplicemente adottano meditazioni e riflessioni.

Conclusione

Se io avessi potuto scegliere, cosa e come essere; avrei scelto di essere un’entità intelligente ed energetica, in grado di autodeterminarsi ed autoalimentarmi sul momento come meglio  opportuno, senza dover predare le altre forme di vita. Quindi, non un corpo fisico impostomi in quanto forma, caratteristiche, durata nel tempo, in base a scelta non mia. Avrei scelto la mia espressione, in base alla necessità o determinazione del momento. Avrei scelto un corpo non biologico, da potersi cambiare, sostituire, riparare, senza dolore. Un corpo bambola come vestito. Un usa e getta, senza identificazione alcuna in esso. Qualcuno potrebbe obiettare, che per ottenere ciò, sarebbe stato necessario che la mia anima già disponesse del necessario stato di coscienza, mentre ancora non ne disponeva; ma se allora l’anima era inconsapevole, può essere ora colpevole? La presunzione d’innocenza e la prova della colpevolezza, non sono più necessarie? Nulla di tutto questo, esprime il genere umano. Perché ci è stata imposta questa crudeltà?.. per redimerci?.. ma io sono disposto a redimermi immediatamente se in cambio mi viene concesso di essere ciò che vorrei essere, al contrario di ciò che hanno voluto altri!. Forse alcune anime sono qui, in questo carcere, per loro scelta operata a monte; ma quasi certamente la maggior parte è qui unicamente in quanto è  stato a loro imposto di andare a coltivare il cotone. Dire poi a loro, che quando saranno ingegneri o laureati potranno cambiare lavoro; è unicamente una presa per il posteriore. Inoltre poi, tutta una serie di prove archeologiche, antropologiche, storiche, mantenute nell’oblio, indirizzano verso una realtà umana del passato, ben diversa da quanto la scienza, per conto del potere ci impone. Che la mitologia dica il vero, quando afferma che l’uomo moderno è stato generato da un’elaborazione genetica aliena, in quanto avevano necessità di lavoratori da portare in miniera? Quanto esposto nel presente articolo, a mio parere dimostra che l’ipotesi Terra=carcere è ampiamente ipotizzabile; quantomeno nel caso che non sia un carcere, tutta una serie di prove inducono a pensare che lo sia. Certamente è un grande laboratorio di genetica. E, esattamente come fa un certo genere umano quando usa i prigionieri a loro insaputa per sperimentazioni di comodo, così potrebbero operare eventuali culture aliene presenti in incognito sulla Terra. Se così è, hanno tutto l’interesse a mantenere il genere umano incarcerato, in stato di ipnosi collettiva, di pazzia, di amnesia del vero essere interiore. Un pianeta ghetto per mimetizzare il carcere.Che abbiano ragione coloro i quali sostengono che: “Se esiste un inferno, questo è qui ora sulla Terra!..”; ovviamente, nella più assoluta normalità!.



Interessante video proposto da Riccardo Terza

video









venerdì 24 ottobre 2014

La verità

LA VERITA’
di Dario Giacoletto

“..la verità è ciò che è e non, ciò che si dice che sia..”

“.. la verità è ciò del quale non si può dire oltre..”

“..la verità assoluta è un foglio bianco. Se ci scrivi sopra,

non sarà più tale!..”


Qualcuno disse cercate la verità e la troverete; ma non disse, quale verità si sarebbe trovata. Il punto da stabilire, è se esiste una sola verità, oppure se ne esistono molteplici e, se essendo molteplici, sono ancora verità. Altri uomini di pensiero, hanno affermato che la verità è lo specchio della realtà. A questo punto però, resta da stabilire cosa è la realtà quindi, il cane si morde la coda. Dopo aver lungamente meditato sul concetto di verità, sono giunto alla seguente (forse momentanea) conclusione: Esiste una sola verità assoluta, ipotetica e posta in cima ad una scala. Non è accessibile all’essere umano, per tanto che cerchi di salire. Ogni gradino esprimerà semplicemente una versione personale, limitata e parziale della verità assoluta. Chiamiamola verità “relativa”, ed è quanto troverà chi la ricerca. La ricerca della verità assoluta è pertanto una utopia. Detto ciò però, non significa che non essendo accessibile la verità assoluta, poco vale la verità relativa. In base al gradino di appartenenza, si può ipotizzare il valore della verità relativa. Più è posta in basso, meno vale; più è in alto, più vale. Ovviamente l’invito logico è quello di salire la scala, mediante lo stato di coscienza acquisito. Rimane da stabilire il gradino d’appartenenza, di quel momento, di ciascuno di noi.


Lasciamo la metafora della scala e passiamo a quella del puzzle. Un tale mi disse un giorno, che la verità è come un puzzle da 5.000 pezzi da comporre su di un tavolo. Il problema consta nel fatto che sul tavolo sono presenti 500.000 pezzi e, non vi è coperchio della scatola dal quale evincere la rappresentazione da comporre. Come se non bastasse, una mano invisibile e maligna, continuamente ti metterà davanti i pezzi inutili, oppure quelli utili al momento sbagliato!..  Chi cercherà la verità, dovrà fare un interminabile lavoro di selezione per scartare 495.000 pezzi. Il tempo umano disponibile, non lo consentirà neanche al più attivo ed efficace degli uomini. Ogni tessera, un fatto, una storia, un uomo. Prendiamo l’esempio del libro più noto al mondo, la Bibbia. Migliaia di persone in questo mondo hanno passato la vita nel tentativo di comprenderla. Altre migliaia hanno collaborato a falsificarla. Sono scomparse le persone in questione, ma la Bibbia è ancora lì a coinvolgere le persone. Ora la domanda: La Bibbia è un tassello utile per la composizione del puzzle, oppure è un tassello offerto da una mano maligna?.. qual è la verità?.. In base a Torre di Guardia è pura verità scritta da Dio per mano degli uomini. In base ad altre confessioni è un testo sacro di riferimento da interpretarsi con buon senso (il loro ovviamente). Un giorno io chiesi ad un sacerdote se la Bibbia era la verità, lui mi rispose: “La Bibbia è verità di fede!..” Saggia e diplomatica risposta, considerato che ammette e nega contemporaneamente la verità della Bibbia. Ammette che è verità per chi ci crede con atto di credulità mentre, non è verità per chi ha compreso che verità non è!..  se non relativa ad alcuni fatti storici.
Perché la Bibbia sia poi utilizzata anche dai mafiosi e dai satanisti, non ci viene mai spiegato. Sta a noi scoprirlo. Se però rispecchia il vero come il falso, il bene come il male, significa che è un libro a doppia faccia. Considerando le analisi che vengono fatte da un numero sempre maggiore di ricercatori, storici, linguisti ecc..; la Bibbia sarebbe un insieme di elementi di cui, in parte esprimenti del vero e in gran parte il falso e dal quale emergono palesi contraddizioni. Altri testi sacri, quali il Talmud o il Corano, non fanno differenza circa la qualità del contenuto. Alcuni esempi biblici:
Caino ed Abele
Abele offrì in dono al Signore degli animali, mentre Caino in quanto agricoltore offrì i frutti della terra. Il Signore apprezzò il dono di Abele. Strano questo dio che apprezza la carne e non la frutta; ma ancora più strano il fatto che, per questo motivo, predilige un figlio a scapito dell’altro. Non si scomoda di dire a Caino, offrimi anche tu della carne, così ti posso equiparare ad Abele e, neanche costui invita il fratello a porsi sulla stessa posizione. Lasciamo perdere il fatto che questo dio aveva necessità di carne, già lo spiega ampiamente Mauro Biglino nei suoi libri. Per questa diversità di offerta tra i due fratelli, Caino il cattivo uccise Abele il buono, mentre il brutto dio stava a guardare. Che l’ispirazione per il famoso film, sia stata tratta qui?.. Ma l’assurdità continua, in quanto se Abele era buono, perché non invitò il Signore ad essere equo?.. perché a lui andava bene cosi?.. ma allora, quanto era buono e giusto?.. nel caso poi che il Signore non avesse compreso o fatto giustizia, perché non essere lui ad andare dal fratello con l’intento di stabilire una situazione egualitaria?.. Quanti di voi, se danneggiati agli occhi di vostro padre, non avrebbe reagito perlomeno con ferma disapprovazione?
La donna
Uno degli aspetti sconcertanti della bibbia, è l’aspetto maschilista, violento, amorale e irrispettoso nei confronti della donna, non solamente da parte degli uomini del popolo ebraico, ma anche di dio.  Negli ultimi tempi, si fa un gran parlare a livello di mezzi d’informazione, della disparità e del trattamento delle donne. Come mai non vengono mai pubblicizzati  quanto dicono i testi sacri?.. Si vuole sostenere che si tratta di altri tempi?.. allora altra domanda: in quale momento, in quale occasione e con quali prove tangibili, dio avrebbe cambiato opinione?..
·         Genesi 2/18 -  Dio disse: "Non è bene che l'uomo sia solo; gli voglio fare un aiuto che gli sia simile"...
·         Genesi 2/19 - ma l'uomo non trovò (tra gli animali creati) un aiuto che gli fosse simile...(Significa che l’uomo si accoppiava con gli animali, ma che non aveva trovato adatta compagnia, per cui dio decise di creare la donna?..)
·         Genesi 3/16 - [Dio] alla donna disse: «Io moltiplicherò i tuoi affanni e le tue gravidanze: con dolore partorirai i tuoi figlioli, sarai sotto la potestà del marito, ed egli ti dominerà.»
·         Genesi 19/8 - Sentite, io ho due figlie che non hanno ancora conosciuto uomo; lasciate che ve le porti fuori e fate loro quel che vi piace.
·         Esodo 10/37 - Fate il censimento di tutta la comunità degli Israeliti, secondo le loro famiglie, secondo il casato dei loro padri, contando i nomi di tutti i maschi, testa per testa. (le donne non erano oggetto di censimento!)
·         Esodo 20/10 - il settimo giorno... (disse dio all’uomo) tu non farai alcun lavoro, né tu, né tuo figlio, né tua figlia, né il tuo schiavo, né la tua schiava, né il tuo bestiame, né il forestiero che dimora presso di te. (Dio si è dimenticato di dire della donna!.. e nessun uomo glielo ha ricordato!. E nemmeno nessuna donna!..)
·         Esodo 21/7 - Quando un uomo venderà la figlia come schiava, essa non se ne andrà come se ne vanno gli schiavi. Se essa non piace al padrone, che così non se la prende come concubina, la farà riscattare. Comunque egli non può venderla a gente straniera, agendo con frode verso di lei. Se egli la vuol dare come concubina al proprio figlio, si comporterà nei suoi riguardi secondo il diritto delle figlie. Se egli ne prende un'altra per sé, non diminuirà alla prima il nutrimento, il vestiario, la coabitazione. Se egli non fornisce a lei queste cose, essa potrà andarsene, senza che sia pagato il prezzo del riscatto.
·         Levitico 12/1 - Il Signore aggiunse a Mosè: "Riferisci agli Israeliti: Quando una donna sarà rimasta incinta e darà alla luce un maschio, sarà immonda per sette giorni; sarà immonda come nel tempo delle sue regole. L'ottavo giorno si circonciderà il bambino. Poi essa resterà ancora trentatré giorni a purificarsi dal suo sangue (totale 40 giorni); non toccherà alcuna cosa santa e non entrerà nel santuario, finché non siano compiuti i giorni della sua purificazione. Ma, se partorisce una femmina sarà immonda due settimane come al tempo delle sue regole; resterà sessantasei giorni a purificarsi del suo sangue (80 giorni per aver partorito una femmina!..).
·         Levitico 21/14 - Non potrà sposare né una vedova, né una divorziata, né una disonorata, né una prostituta; ma prenderà in moglie una vergine della sua gente. Così non disonorerà la sua discendenza in mezzo al suo popolo.
·         Deuteronomio21/11 - se vedrai tra i prigionieri una donna bella d'aspetto e ti sentirai legato a lei tanto da volerla prendere in moglie, te la condurrai a casa. Essa si raderà il capo, si taglierà le unghie, si leverà la veste che portava quando fu presa, dimorerà in casa tua e piangerà suo padre e sua madre per un mese intero; dopo, potrai accostarti a lei e comportarti da marito verso di lei e sarà tua moglie. Se in seguito non ti sentissi più di amarla, la lascerai andare a suo piacere, ma non potrai assolutamente venderla per denaro né trattarla come una schiava, per il fatto che tu l'hai disonorata.
·         Deuteronomio 24/11 - Quando un uomo ha preso una donna e ha vissuto con lei da marito, se poi avviene che essa non trovi grazia ai suoi occhi, perché egli ha trovato in lei qualche cosa di vergognoso, scriva per lei un libello di ripudio e glielo consegni in mano e la mandi via dalla casa.
·         Deuteronomio 25/5 - Quando i fratelli abiteranno insieme e uno di loro morirà senza lasciare figli, la moglie del defunto non si mariterà fuori, con un forestiero; il suo cognato verrà da lei e se la prenderà in moglie, compiendo così verso di lei il dovere del cognato.
·         Deuteronomio 25/11 - Se alcuni verranno a contesa fra di loro e la moglie dell'uno si avvicinerà per liberare il marito dalle mani di chi lo percuote e stenderà la mano per afferrare costui nelle parti vergognose, tu le taglierai la mano e l'occhio tuo non dovrà averne compassione.  
·         Geremia 8/9 - …essi hanno rigettato la parola del Signore, quale sapienza possono avere? Per questo darò le loro donne ad altri, i loro campi ai conquistatori, perché, dal piccolo al grande, tutti commettono frode.
·         Numeri 31/15 - Mosè disse loro: "Avete lasciato in vita tutte le femmine? Proprio loro, per suggerimento di Balaam, hanno insegnato agli Israeliti l'infedeltà verso il Signore…
·         Colossesi 3/18 - Voi, mogli, state sottomesse ai mariti, come si conviene nel Signore.
·         Sapienza 3/13 - Beata la sterile non contaminata, la quale non ha conosciuto un letto peccaminoso; avrà il suo frutto alla rassegna delle anime.
·         2 Samuele 5/13 - Davide prese ancora concubine e mogli di Gerusalemme, dopo il suo arrivo da Ebron…
·         Ecclesiaste 7/26 - Trovo che amara più della morte è la donna, la quale è tutta lacci: una rete il suo cuore, catene le sue braccia. Chi è gradito a Dio la sfugge ma il peccatore ne resta preso.
·         Esdra 10/10 - …il sacerdote Esdra si alzò e disse loro: "Voi avete commesso un atto d'infedeltà, sposando donne straniere: così avete accresciuto la colpevolezza d'Israele. Ma ora rendete lode al Signore, Dio dei vostri padri, e fate la sua volontà, separandovi dalle popolazioni del paese e dalle donne straniere".
·         Salmo 109/12 - Nessuno gli usi misericordia, nessuno abbia pietà dei suoi orfani. La sua discendenza sia votata allo sterminio, nella generazione che segue sia cancellato il suo nome. L'iniquità dei suoi padri sia ricordata al Signore, il peccato di sua madre non sia mai cancellato.
·         1 Samuele 25/43 - Davide aveva preso anche Achinoàm da Izreèl e furono tutte e due sue mogli. Saul aveva dato Mikal sua figlia, già moglie di Davide, a Palti figlio di Lais.
·         1 Re 11/1 - …il re Salomone amò donne straniere… appartenenti a popoli, di cui aveva detto il Signore agli Israeliti: "Non andate da loro ed essi non vengano da voi: perché certo faranno deviare i vostri cuori dietro i loro dèi". Salomone si legò a loro per amore. Aveva settecento principesse per mogli e trecento concubine; le sue donne gli pervertirono il cuore.
·         Numeri 5/20 - Il Signore... ti faccia infracidir il tuo ventre e gonfi e crepi il tuo utero. Entrino le acque di maledizione nel tuo ventre, ed enfiato il tuo utero s'infracidisca il tuo fianco.
·         1 Corinzi 14/34 - Come in tutte le comunità dei fedeli, le donne nelle assemblee tacciano perché non è loro permesso parlare; stiano invece sottomesse, come dice anche la legge.
·         1-Corinzi 11/3 - Voglio però che sappiate che di ogni uomo il capo è Cristo, e capo della donna è l'uomo, e capo di Cristo è Dio.
·         2 Samuele 12/11 - Così dice il Signore (a Davide): Ecco io sto per suscitare contro di te la sventura...; prenderò le tue mogli sotto i tuoi occhi per darle a un tuo parente stretto, che si unirà a loro alla luce di questo sole.
·         Sapienza 3/11-12 - è infelice chi disprezza la sapienza...  Le loro mogli sono insensate, cattivi i loro figli, maledetta la loro progenie.


Il Signore d’Israele era così e gli uomini cosa'; con la loro sapienza hanno condizionato il mondo e l’umanità. Non sarebbe il caso che di fronte ad una realtà come questa, le donne incominciassero a pensare di non partorire più uomini tanto imbecilli?.. e se proprio vogliono avere un dio, perché non fare un bel divorzio da questo e cercarsene un altro migliore? Molte donne però, sono masochiste quindi, di questo signore vogliono essere spose. Di fronte a quanto esposto, quanto lavoro dovrà fare colui che cerca la verità, per liberarsi dei tasselli inutili, se non velenosi, per comporre il puzzle?.. che sia proprio questa la strategia di fondo che per secoli ci hanno propinato i sapienti?
Molti autori, di parte o indipendenti, hanno cercato di risolvere il dilemma relativo alla verità. Ne scelgo un paio tra gli indipendenti. Consapevole l’autore del blog “Verità Terrene”, che la verità umana è relativa, l’ha appunto definita “terrena”. Dopo anni di studi, analisi, confronti, è pervenuto alla seguente conclusione: “L’essere umano è stato ingannato, circa la verità!”. Come?.. In tanti modi, ma principalmente mediante le religioni e quindi la Bibbia. Per chi non intendesse leggersi tutti i suoi articoli, ma volesse cogliere la sintesi della sua ricerca, è invitato a visionare il seguente video: https://www.youtube.com/watch?v=xuAMPvv8CXk da cui è tratta la prima immagine. Titolo del video: “Il grande inganno” e, la prima affermazione, già è di quelle che presuppone un terremoto in arrivo: “Hanno crocefisso la verità!”. Chi?.. io dico, gli stessi che nel corso della storia, hanno sempre utilizzano la croce per crocefiggere. Sulla croce hanno crocefisso il Cristo, ovvero la coscienza umana nella forma di Gesù. Croce significa, centro e fermata a salire del braccio orizzontale, verso l’alto. Il centro della croce significa, qui la morte dell’uomo e della sua coscienza. Che sia di Gesù, del Cristo  o dell’umanità intera. La croce rappresenta la morte sacrificale. Ecco perché anche i satanisti, i nazisti, i mafiosi ecc.. se ne servono. Ecco perché la Bibbia li accontenta tutti. Ecco perché nel medioevo si diceva: se vuoi vivere, prendi la spada o la croce e, con la spada o la croce, la povera gente andava a morire sperando, mentre i potenti, di questo si cibavano. Teniamo presente i Templari e le loro opere mercenarie al servizio della chiesa e in nome di dio. In tempi più recenti, la stessa croce della chiesa e dei templari, l’hanno esibita i nazisti sulle loro divise e bandiere, era la stessa croce che oggi ancora esibisce l’Ordine di Malta Vaticano. 


Altro ricercatore e autore di numerosi libri sull’argomento verità e manipolazione, è David Icke, il quale tra le tante cose, afferma che la verità rende liberi.  Caro David, hai perfettamente ragione. Purtroppo però, la verità assoluta è una utopia irraggiungibile, pertanto la libertà che si raggiungerà, è in relazione al gradino raggiunto dalla verità su quella ipotetica scala. Più sale il livello di verità, più sale la libertà e noi oggi, siamo prigionieri.


Che si tratti di Bellin, di Icke, del sottoscritto o di chiunque altro, una domanda attanaglia tutti quanti. La domanda è generata dal fatto che l’essere umano non sa chi e cosa è. Uomo chi sei?.. ma anche, cosa sei?   Una cosa è certa; l’essere umano è l’espressione d’insieme di un principio pensante, innestato in un corpo fisico. Oppure, cambiando il punto d’osservazione, è un principio pensante che si esprime mediante il corpo fisico. Quando però si assiste a manifestazioni di improvvise materializzazioni o smaterializzazioni, come ad esempio: http://presenze-aliene.blogspot.it/2014/05/lanonimo-cacciatore.html oppure  http://presenze-aliene.blogspot.it/2013/02/3-ufo-in-valtellina-umanoidi-volanti.html in coloro che il puzzle lo stanno componendo, emerge la convinzione che l’essere umano è un’entità pensante, al di là del fatto che disponga del corpo. Quindi, non più alcun dubbio;  io sono, noi siamo e, non siamo in quanto siamo corpo, ma siamo in quanto abbiamo coscienza d’essere. Quindi siamo esseri animati (anima) in virtù di un principio (spirito). Coloro che ancora vogliono sostenere che il pensiero è generato dalla materia, ancora devono liberarsi di numerosi tasselli immondizia. È il pensiero che genera la materia e non viceversa. Il corpo umano è unicamente un rivestimento dell’essere, necessario per operare sul piano fisico. Può essere considerato una macchina, una bambola, un manichino, un’ombra ecc.. ma ciò che è importante, è che ci sei TU!.. essere pensante. Ora impara a pensare con la tua mente!.

E per sdrammatizzare..