Presenze Aliene

domenica 16 luglio 2017

Ufo: A futura memoria

UFO: A futura memoria


Da tempo era richiesta e si attendeva, ora finalmente è arrivata. Il 2017 sarà in futuro ricordato come l’anno in cui l’ufologia italiana, ha compiuto un passo che pone un paletto, un punto fisso che non concederà possibilità di ritorno. Il Centro Ufologico Nazionale in occasione del Simposio Internazionale di San Marino 2017 e, il Gruppo Accademico Ufologico Scandicci di Firenze; hanno ufficialmente presentato la documentazione relativa alle analisi forensi, attestanti la genuinità di alcune serie fotografiche riportanti ufo e presenze aliene riprese in Valmalenco. Da oggi in poi nessun denigratore dell’ufologia, potrà affermare che non esistono prove fotografiche certe, riguardanti la presenza ufo/aliena sulla Terra, oppure in Valmalenco! 


LANZADA 8/7/2017

Come riportato dai giornali è stato un pienone, la serata non ha tradito le aspettative, nonostante un micidiale acquazzone ha imperversato prima dell’inizio della serata. Poter presentare le analisi forensi relative al caso ufologico “Lanzada 2011”, esattamente dove il caso si verificò, non è cosa da poco. Equivale a porre un monumento in pietra a perenne ricordo. Occorre ringraziare l’amministrazione comunale che ha reso possibile questo evento. La serata ha consentito a Piero Marchetti, presidente del GAUS e al collaboratore Marco Baldini, di presentare in modo dettagliato la consistenza delle analisi forensi. Ha consentito altresì di presentare un dato di fatto; ovvero il fatto che il GAUS fa sul serio ed i suoi rappresentanti sono all’altezza della situazione.
Come ampiamente ribadito in precedenti occasioni; la serata era anche l’occasione in cui eventuali contestatori, avrebbero avuto opportunità di presentare la documentazione comprovante l’opposto di quanto provano le analisi forensi. Ovvero il fatto che le foto in questione sarebbero dei falsi. Ebbene, nessun contestatore si è fatto avanti. Eppure, in un passato recente, in molti avevano strombazzato le loro certezze a destra e a manca. Giornali, ma già costoro si erano ricreduti. TV, rappresentanti stessi del CUN prima dell’entrata in azione dell’ingegner Massimo Angelucci, Facebook mediante le discussioni da bar, ma anche con la presenza dei troll. Ricordo che i troll sono personaggi mercenari pagati con soldi nostri, ma indirizzati dal potere trasversale/istituzionale, col fine di delegittimare quanto a livello di informazione non è gradito dal sistema di potere occulto. Nel momento cruciale, tutti hanno taciuto. Ovviamente anche coloro che in questi anni di lotta si sono prodigati nel mettere in circolazione materiale fotografico falso. Costoro sono da dividersi in due categorie: la categoria della semplice ignoranza becera che mira esclusivamente ad auto osannarsi come furbi e, alla categoria dei troll falsari. Un esempio eclatante, ultimo della serie, è quello che ora vado a presentare.
Tale Antonio Frigerio da Milano, così si è dichiarato, alcuni giorni dopo il 19/2/2017, giorno in cui afferma che si sarebbe verificato l’avvistamento di Chiesa in Valmalenco, inviò ai giornali locali e al sottoscritto, un cd mediante posta. Sul cd vi erano due fotografie spettacolari ed una nota, mediante il quale il Frigerio forniva la versione dei fatti. Una delle foto è la sottostante:


La foto è certamente spettacolare. Richiama alla mente i numerosi avvistamenti avvenuti in zona di oggetti volanti triangolari. Che si sappia, non esiste un aereo da tecnologia nostra di questo genere e, gli ufo triangolari ripresi, non sono esattamente così.  I conti non tornano, pertanto ho inviato le due foto ad un esperto di mia fiducia. Il responso è stato immediato: trattasi di falso! Il signor Frigerio, ma probabilmente non si chiama così; è certamente abile nel manipolare le foto. Ha preso la fotografia presente in: https://it.wikipedia.org/wiki/Avro_698_Vulcan L’ha modificata come ha ritenuto opportuno, quindi è andato ad incollare l’oggetto volante sopra una foto della Valmalenco, scattata da Chiesa. Con intento di accertare se quanto riferitomi corrispondeva al vero; ho operato la sovrapposizione delle due fotografie, quella di wikipedia e quella del Frigerio. Il risultato è quello sottostante:

A: Tratto dalle due foto del Frigerio
B: Avro Vulcan B-1 tratto da: https://it.wikipedia.org/wiki/Avro_698_Vulcan
C: Sovrapposizione di A sopra B

Non vi possono essere dubbi, trattasi di falso operato da Antonio Frigerio da Milano; ma che in realtà è probabile che si chiama diversamente. O meglio, trattasi di falso realizzato da operatore del discredito; quindi da un TROLL. Se la mia affermazione è errata; il signor Frigerio è invitato a palesarsi e chiarire. Io provvederò a rendere pubblico il chiarimento e a porgere le dovute scuse.
Di questi falsi non ne sono comparsi tanti; ma alcuni certamente. In questo caso il TROLL ha peccato di presunzione e quindi è stato facilmente individuato; ma la cosa potrebbe essere più difficile in altri casi. Nel caso che i giornali oppure io, avessimo abboccato pubblicando le foto come vere; chi dice che un Frigerio qualsiasi non si sarebbe potuto presentare alla serata di Lanzada con la documentazione attestante il falso fotografico, quindi per conseguenza l’inconsistenza dell’ufologia della Valmalenco e l’incompetenza degli operatori?
Ho voluto presentare questo caso per far comprendere che appena si accenna a proporre informazione ufologica seria, entrano in azione i manovali del sistema; pertanto anche a loro dedico la serata di Lanzada, assieme al cippo con la lapide.


Nel corso della serata, Marco Baldini ha chiesto una alzata di mano a coloro che tra i presenti in sala hanno avuto occasione nella vita, di assistere a manifestazioni particolari a carattere ufologico. Purtroppo lo scatto fotografico riprende la sala quando già alcuni avevano abbassato la mano e, mio sconcerto, alcuni presenti che in privato mi avevano riferito di aver visto, la mano non l’hanno alzata! Ciò nonostante emerge un dato di fatto: Molte più persone di quanto si ipotizzava, in vallata o altrove, hanno visto cose che necessitano una spiegazione. 


L’AUSPICIO

Il risultato ottenuto mediante il CUN e il GAUS dimostra che sono ottenibili risultati sino a pochi anni fa impensabili. Troppo spesso le persone si fermano di fronte ai loro fantasmi che interpretano come nemici reali. Ciò non significa che non esiste la fazione avversa; ma significa “CHE LA FORZA DELL’UNO E’ SEMPRE DETERMINATA DALLA DEBOLEZZA DELL’ALTRO”. Occorre pertanto esercitare sempre le proprie possibilità, per un risultato collettivo, non egoistico. Questo è stato fatto in questa occasione, pertanto un grazie a costoro.
Per quanto riguarda l’ufologia della Valmalenco in ottica futura, una iniziativa relativamente semplice, ma che certamente potrebbe rivelarsi efficace nei risultati; potrebbe essere quella dell’installare alcune webcam in posizione panoramica. Si otterrebbero così eventuali conferme o smentite all’ufologia della Valmalenco, con un costo relativamente basso. Ovviamente poi sarebbero necessari alcuni volontari, idonei nel seguire e riferire i risultati.



domenica 2 luglio 2017

Ufo news Valmalenco luglio 2017

Ufo News Valmalenco
Luglio 2017


UNA SOLA FOTO VERA DIMOSTRA CHE VERO è L’EVENTO CHE L’HA RESA POSSIBILE. CENTOMILA FOTO FALSE NON DIMOSTRANO CHE QUELLA GENUINA è FALSA! 
ORA, PORTATE LE FOTO FALSE CHE LE CONTIAMO!


L’intento è quello di mettere una pietra definitiva, dopo anni di parole per la maggior parte inutili. Le foto del caso ufologico di Lanzada del 2011 sono genuine. Lo ha stabilito il GAUS mediante le analisi condotte presso un centro specializzato. Presentai integralmente questo caso nel 2013 mediante: http://presenze-aliene.blogspot.it/2013/03/il-caso-lanzada-2011.html 
Come tutti quelli che ne sostennero l’autenticità, fui pesantemente contestato. Poi giunsero le prime conferme di genuinità circa le analisi fotografiche condotte dal Gaus e quindi pubblicai: http://presenze-aliene.blogspot.it/2016/11/sulla-sponda-del-fiume.html
Ora è il Gaus che intende presentare le analisi proprio dove è avvenuto il fatto; ovvero a Lanzada. E’ un po’ come dire: NOI PRESENTIAMO LE PROVE CHE IL CASO è GENUINO, COME SANCITO DALLE ANALISI. LO FACCIAMO ESATTAMENTE DOVE è AVVENUTO IL FATTO. CHI HA PROVE CONTRARIE LE PORTI QUI, OPPURE TACCIA PER SEMPRE!

2

E’ probabile che ciò non avverrà, in quanto è pieno il mondo di gente che parla senza mai presentare nulla a dimostrazione di quanto afferma. Persone che pensano di valere per quello che dicono, ma non si rendono conto cosa stanno dicendo, mentre sbandierano semplicemente ignoranza grezza. Ci sono poi le altre, e queste sono peggiori, le quali mentono sapendo di mentire. Di loro ho ampiamente illustrato in: http://presenze-aliene.blogspot.it/2016/03/troll-on-line.html
Purtroppo lo Stato Italia versa in pessime condizioni, sempre che sia ancora opportuno definirlo Stato; motivo per cui avvengono cose di cui parlano solamente coloro che saranno definiti complottisti dalla informazione di sistema. Per fortuna, qualche voce esce dal coro, come ad esempio quella riportata dal giornale Centro Valle; purtroppo però altri continuano con la stessa solfa, quindi si continua a riscontrare affermazioni come quelle di Alfredo Benni nella nota sotto.


E’ con estremo rammarico che dobbiamo prendere atto del fatto che Alfredo Benni è il rappresentante del Cun, Centro Ufologico Italiano per la Lombardia, così come dobbiamo prendere atto del fatto che lo stesso Benni afferma: NON AVENDO IN MANO GLI ORIGINALI, LA MIA è E RESTA UNA OPINIONE PERSONALE! DI FALSI COSI’ NE HO VISTI A QUINTALI.
Il destino è veramente bizzarro. Mentre Benni sanciva che la foto dell’alieno che fa capolino è un falso, lo stesso Cun mediante l’ingegner Massimo Angelucci mi richiedeva gli originali per condurre un adeguato accertamento. L’accertamento mediante analisi forense ha dato quale esito, il fatto che la foto dell’alieno che fa capolino è genuina, come riportato dal giornale, come reso pubblico al Simposio di San Marino e: http://presenze-aliene.blogspot.it/2017/05/san-marino-il-giorno-dopo.html
Invito pertanto i fautori del discredito, quantomeno ad utilizzare gli originali e, laddove si tratta di esperti di fotografia, a presentare coerente documentazione ricavata dagli originali e non invece, da motivazioni che non avranno mai il coraggio di ammettere!


In chiusura, con nausea non indifferente, faccio notare quanto segue: Una sola foto vera è sufficiente per dimostrare che il fenomeno che l’ha generata è reale e genuino. Pertanto, a maggior ragione dato il numero delle foto accertate, il fenomeno ufologico/alieno della Valmalenco è reale. Le discussioni circa la percentuale delle foto genuine rispetto a quelle false è di secondaria se non inutile importanza, circa l’accertamento della realtà del fenomeno. Lo sanno molto bene i denigratori, per questo si attaccano alle foto false. Per giunta, la percentuale delle foto false non è così alto come in molti hanno cercato di far credere. 
Un aspetto curioso in ufologia è che, dove compaiono casi ufologici interessanti, dopo breve tempo compaiono i falsi; chissà perché!
Se poi, questa storia delle foto false della Valmalenco, continuerà ad essere sostenuta, andremo ad accertare da dove sono pervenuti i falsi. Cosa che sino ad ora non ho voluto fare, per non evidenziare in quale stato è lo Stato Italia!